Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Strategie di internazionalizzazione delle imprese del prêt à porter di lusso italiane

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Strategie di internazionalizzazione delle imprese del prêt à porter di lusso italiane 4 aprendo a modelli di consumo occidentali. Questi paesi si identificano, soprattutto, con i dragoni dell’Asia pacifica, che hanno tassi di sviluppo elevatissimi (Corea del Sud, Taiwan, Hong Kong, Singapore), con 75 milioni di persone circa; con i paesi dell’ASEAN (Tailandia, Malesia, Indonesia, filippine), con 310 milioni di persone circa; con i pesi dell’America Latina in un futuro più lontano (soprattutto Messico, Cile, Argentina, dopo le riforme dei rispettivi governi e la maggiore stabilità politica ed economica)con 120 milioni di persone; e con l’Est europeo. I fornitori di materie prime sono in tutto il mondo, dato che le Maison si riforniscono di filati e tessuti molto pregiati di provenienza varia: sete dall’oriente, lane dai paesi in cui le produzioni sono le migliori, e così via. Ma tra i fornitori non ci sono solo quelli di materie prime, bensì anche quelli di prodotti finiti: le Maison, infatti raramente internalizzano la produzione. Solo in alcuni casi esse hanno il controllo delle aziende di produzione con le quali collaborano (per esempio, Versace con Alias e Armani con Simint), altrimenti hanno rapporti di collaborazione esclusiva con aziende indipendenti. Il potere contrattuale degli stilisti nei confronti di queste piccole aziende artigianali specializzate è piuttosto elevato. Se si tratta invece di accordi di licenza che prevedono la corresponsione di royalties agli stilisti da parte di aziende grandi, il potere contrattuale degli stilisti è sensibilmente diminuito negli ultimi anni. Per quanto riguarda la commercializzazione e vendita dei prodotti finiti, invece, il ruolo svolto dalla Maison è spesso complementare: il marketing, la vendita e la distribuzione sono affidati ad aziende specializzate esterne. Se lo stilista è invece molto affermato e disponga di una struttura organizzativa più ampia, allora è probabile che si trovi all’interno della stessa Maison un ufficio dedicato alle pubbliche relazioni e al marketing. Tuttavia molto è affidato all’esterno, proprio per non appesantire la struttura dell’impresa con l’aumento del numero delle persone impiegate.

Anteprima della Tesi di Silvia Bianchi

Anteprima della tesi: Strategie di internazionalizzazione delle imprese del prêt à porter di lusso italiane, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Silvia Bianchi Contatta »

Composta da 388 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14441 click dal 04/06/2004.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.