Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Pierre Schaeffer e l'oggetto sonoro

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Uno degli antesignani di questa tendenza fu certamente Luigi Russolo, il quale indicò nel breve testo dal titolo L’arte dei rumori. Manifesto futurista un possibile percorso per l’ammodernamento della musica. A questo scopo ideò e costruì l’intonarumori, marchingegno che rispondeva a una duplice esigenza: in primo luogo consentiva di integrare i materiali timbrici dell'orchestra tradizionale mediante l’introduzione di rumori e in secondo luogo di regolarne l’intonazione. L’intento dell’originale invenzione di Russolo fu limitato a scandalizzare gli ascoltatori del tempo, mostrando loro quanto fossero esigui i confini dello spazio sonoro in cui si compiacevano d’essere costretti. La sua provocazione tuttavia restò tale e non fu mai finalizzata all’ampliamento dei mezzi espressivi messi a disposizione del compositore. Di spessore ben maggiore furono le composizioni di Edgar Varesé. Qui i “rumori” ed i suoni della vita quotidiana non sono più, come in Russolo, il fine ultimo della musica, ma dei mezzi utilizzati all’interno di composizioni musicali che sono fatte sì di suoni, ma che non si riducono ad essi. In questo senso Varèse parlava della sua opera Amériques, in un passo del suo scritto teorico Il suono organizzato: « Amériques è l’interpretazione di uno stato d’animo, è un pezzo di musica pura che non ha niente a che fare con i rumori della vita moderna che alcuni critici hanno voluto ritrovarvi. Se proprio bisogna applicargli un’etichetta, chiamiamolo un tema meditativo, nato dalle impressioni di uno straniero che indaga sulla immense possibilità di questa vostra nuova cultura. L’utilizzo di effetti musicali intensi è semplicemente la mia reazione istintiva alla vita così come la vedo, ma si tratta della rappresentazione musicale di uno stato d’animo, e non di un quadro sonoro. » 1 1 E. Varèse, Il suono organizzato - scritti sulla musica, Ricordi/Unicopli, Milano 1985, p.55

Anteprima della Tesi di Michelangelo Roberti

Anteprima della tesi: Pierre Schaeffer e l'oggetto sonoro, Pagina 8

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Michelangelo Roberti Contatta »

Composta da 132 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8927 click dal 30/06/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.