Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La raccolta di risorse nelle aziende non profit

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

7 soddisfacimento dei bisogni dell’elettore medio 5 , per lo Stato; conseguimento di profitti, redistribuiti tra coloro che conferiscono il capitale di rischio, per il mercato. Negli ultimi decenni, però, sono state molteplici le cause che hanno favorito la nascita e il consolidamento di quello che è stato definito terzo settore 6,7 , il quale, pur facendo proprie alcune caratteristiche sia funzionali che organizzative degli apparati economici di cui si è detto sopra, come la finalità di interesse collettivo delle attività statali e l’utilizzo di principi e tecniche dell’efficienza gestionale ed economica proprie degli istituti di mercato, prende le distanze dagli stessi attraverso il rifiuto, o l’impossibilità di: - perseguire interessi di tipo generale o comune, in ogni caso interessi altrui, mediante l’esercizio di un potere sovraordinato rispetto ad altri soggetti, fisici e giuridici, 5 “L’elettore medio rappresenta il desiderio della maggioranza”, in Non per profitto, a cura di M.C.BASSANINI, P.RANCI, Fondazione A.Olivetti, Milano, 1991. P.MILANESE (Non-profit marketing e valore sociale, Egea, 1998) prende spunto dalla disciplina economica delle scelte pubbliche per affermare che, siccome le procedure decisionali pubbliche sono regolate dal voto a maggioranza, il profilo d’intervento statale che ne risulta potrà soddisfare in modo completo soltanto la maggioranza stessa, incarnata dalla figura del cosiddetto “elettore medio”. 6 Il termine “Terzo Settore” ha valenza storica e principalmente europea, poiché è stato coniato all’interno del rapporto Delors “Un progetto per l’Europa”, redatto nel 1978 in sede comunitaria. La sua diffusione è dovuta più che altro alla brevità del termine, nonché alla sua carica distintiva che lo differenzia rispetto agli altri due settori, il mercato e lo Stato. Ma anche se il suo utilizzo è entrato nella consuetudine popolare e dottrinale, esistono una serie di studiosi che ne contestano il significato. Primo tra tutti Stefano Zamagni (“Dal non profit all’economia civile”, in AA. VV., Le aziende non profit tra Stato e mercato, atti del convegno AIDEA, Roma 1995) secondo il quale esiste un doppio fondamento teorico errato nell’espressione “Terzo Settore”: il primo è che pure il mercato e lo Stato, che dovrebbero essere gli altri due, non sono settori, perché non rappresentano degli insiemi di attività sufficientemente omogenee tra loro; il secondo, legato alla natura residuale di tale espressione, afferma che le definizioni in negativo, per essere accettabili, presuppongono la conoscenza dell’insieme universo. Egli suggerisce di utilizzare il termine “Economia Civile”, partendo dalla considerazione che elemento di novità è la produzione di ricchezza come strumento per l’esercizio della virtù. Altri sinonimi in uso in letteratura sono settore non profit, privato sociale ed economia sociale. 7 Partendo dal presupposto che attività che perseguono scopi socialmente rilevanti esistono da sempre, il neo-nato terzo settore, di natura privatistica, ha la novità di essere gestito secondo modelli di impresa.

Anteprima della Tesi di Riccardo Rossano

Anteprima della tesi: La raccolta di risorse nelle aziende non profit, Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Riccardo Rossano Contatta »

Composta da 314 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6070 click dal 05/07/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.