Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impatto della sicurezza nelle comunicazioni vocali su rete IP: misure prestazionali e comparazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 2: VoIP (Voice over IP) 10 Per esempio, in un sistema a 16-bit, ciascun campione è rappresentato come una parola binaria lunga 16 cifre, quindi sono possibili 2 16 = 65.536 valori per ciascun campione. Le frequenze che l’orecchio umano è in grado di percepire vanno dai 20Hz fino ai 20.000 Hz: questa gamma di frequenze è generalmente suddivisa in tre gruppi così definiti: • basse frequenze (tra 20 e 400 Hz); • medie frequenze (tra 400 e 1.600 Hz); • alte frequenze (tra 1.600 e 20.000 Hz). 2.2.1 Il processo di codifica Il processo di codifica di un segnale analogico in un segnale digitale adatto per essere trasmesso attraverso un canale trasmissivo di comunicazione consiste nei quattro passi illustrati in figura 2.8. Figura 2.8: Il processo di codifica di un segnale analogico Il filtro di banda è usato per limitare la portata delle frequenze che vogliamo campionare, così da poter diminuire il costo del campionamento e allo stesso tempo il bit rate necessario per digitalizzare il segnale analogico. La voce umana utilizza una gamma di frequenze che varia dai 200 Hz ai 3400 Hz: infatti il filtro di banda normalmente usato nei codificatori di voce si basa su una banda a 4 kHz (1 kHz = 1000 Hz). Un’altra ragione per cui si utilizza il filtro di banda è che i segnali che provengono dalla sorgente spesso catturano frequenze più alte (rumori o altri suoni) che vanno oltre le frequenze di nostro interesse, quindi il filtro di banda “taglia” queste frequenze, cioè le elimina. Il processo di campionamento prende il segnale analogico, che è un segnale a valori continui in un tempo continuo e lo trasforma in un segnale a valori continui in un tempo discreto. In pratica il campionatore prende una misura del segnale ad intervalli costanti di tempo (che determina la frequenza di campionamento). La frequenza di campionamento deve essere almeno due volte la frequenza massima Filtro di banda Campionamento Quantizzazione Audio Codifica 1001...

Anteprima della Tesi di Massimo Boccali

Anteprima della tesi: L'impatto della sicurezza nelle comunicazioni vocali su rete IP: misure prestazionali e comparazioni, Pagina 10

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Massimo Boccali Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2264 click dal 16/07/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.