Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'impatto della sicurezza nelle comunicazioni vocali su rete IP: misure prestazionali e comparazioni

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Capitolo 2: VoIP (Voice over IP) 12 parlato. Un buon codec CELP può produrre una qualità del tutto analoga a quella di un flusso PCM a 64 kbps, però impiegando 16 kbps. In alternativa, può utilizzare una banda ancora inferiore, producendo un suono artificiale. I codec CELP di tipo base usati nelle applicazioni VoIP, detti anche Low Delay CELP o LD CELP, sono identificati dalla sigla ITU G.728. Esistono anche sistemi più complessi come il G.729 (Conjugate Structure Algebraic CELP abbreviato con CS ACELP), che eseguono un'analisi più approfondita del flusso del parlato prima di codificarlo: la qualità che si ottiene è equivalente a LD- CELP impiegando la metà della banda. Lo standard che offre la più elevata compressione, mantenendo una buona qualità della voce, è ACELP (Algebraic- Code-Excited Linear Prediction) o G.723 che può scendere fino alla velocità di 5,3 kbps. I codec voce sono spesso implementati su hardware specializzato, nonostante esistano anche implementazioni software. La complessità di un algoritmo può essere espressa come potenza di elaborazione richiesta, detta MIPS (Millions of Instructions Per Second). Un algoritmo che richiede 15 MIPS è visto come un algoritmo di bassa complessità, mentre un algoritmo che richiede 30 MIPS è complesso. Algoritmo di compressione Bit rate (kbps) MIPS MOS G.711 PCM 64 0.01 4.3 G.726 ADPCM 32 2 4.1 G.728 LD-CELP 16 30 4.0 GSM 13 6 3.9 G.729 CS-ACELP 8 20 4.0 G.729a CS-ACELP 8 11 3.8 G.723.1 MP-MLQ 6.3 16 4.0 G.723.1 ACELP 5.3 16 3.7 Tabella 2.1: dati forniti da [9] Nella tabella 2.1 vengono confrontati alcuni parametri dei principali algoritmi di compressione per la voce. Per ogni algoritmo di compressione vengono analizzati il bit rate (in kbps), il MIPS e il MOS (Mean Opinion Score) che è il parametro usato per misurare la qualità del segnale riprodotto in una scala da 1 a 5, dove 1 rappresenta il giudizio peggiore e 5 il migliore. Chiaramente il numero di operazioni al secondo dipende da come viene implementato l’algoritmo, quindi sia i valori del MIPS che del MOS in tabella sono da considerarsi come valori medi.

Anteprima della Tesi di Massimo Boccali

Anteprima della tesi: L'impatto della sicurezza nelle comunicazioni vocali su rete IP: misure prestazionali e comparazioni, Pagina 12

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Massimo Boccali Contatta »

Composta da 114 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2264 click dal 16/07/2004.

 

Consultata integralmente 5 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.