Skip to content

Il trattamento dei membri di organizzazioni terroristiche internazionali con particolare riguardo al ''caso Guantanamo''

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
18 Tuttavia, pare si sia avuta in merito un’evoluzione. La risoluzione 1368 (2001) emanata del Consiglio di Sicurezza in seguito all’ 11 settembre 2001 dispone che “gli autori, gli esecutori o gli sponsors” e coloro che hanno la responsabilità di “aiutare, sostenere e dare rifugio” ai terroristi dovranno “renderne conto”. Questa tendenza potrebbe portare ad un allargamento della responsabilità internazionale fino a rendere il semplice sostegno da parte di uno Stato ad un gruppo terroristico sufficiente a far sorgere la responsabilità dello Stato per ogni attentato commesso da tale gruppo. 2.2. La nozione di terrorismo Spostiamoci all’altro elemento della definizione: il termine “terrorismo”. Il terrorismo è un fenomeno estremamente ambiguo, dalle molteplici forme e dai più svariati aspetti, traducendosi necessariamente in una parallela polisemia del termine. A queste difficoltà si aggiunge il fatto che molti dei crimini considerati terroristici sono già oggetto di codificazione internazionale (il genocidio, i crimini contro l’umanità, i crimini di guerra, il traffico di droga o di armi illegali, la pirateria ecc.) rendendosi apparentemente superflua la questione di prevedere una fattispecie diversa per il terrorismo. Nonostante ciò, il qualificare tali crimini, già gravi in sé, come terroristici implica l’aggiunta di un ulteriore elemento di condanna connesso al particolare stato emotivo che suscita il fenomeno del terrorismo. Nella comunità internazionale non esiste un accordo sul concetto di terrorismo; il motivo principale della mancanza di una definizione esaustiva universalmente accettata risiede nel fatto che, mentre su certi elementi chiave, come la non discriminazione e la casualità delle vittime e l’infondere terrore collettivo, può esserci un accordo generale, rimangono troppe “aree grigie” e considerazioni di natura politica per rendere possibile una definizione di terrorismo inequivocabilmente accettata 23 e poter tradurre la nozione del terrorismo in una definizione che possa essere recepita in una norma incriminatrice. 23 V. ELAGAB, International Law Documents Relating to Terrorism, London/Sydney, 1997, p. 19. Alcuni esempi concreti di queste difficoltà e dell’ambiguità nel qualificare determinati atti come terroristici sono i seguenti: l’uccisione di oltre tremila civili in Nicaragua da parte dei contras supportati dagli Stati Uniti non è stata generalmente classificata come terrorismo; la distruzione di Grozny da parte delle forze armate russe nel 1999 durante la guerra in Cecenia, i bombardamenti di Tripoli da parte degli Stati Uniti nel 1982 che provocarono la morte di circa seimila civili, o ancora i bombardamenti in Cambogia durante la guerra del Vietnam da parte degli USA non vengono considerati atti di terrorismo. Nemmeno la violenza istituzionalizzata esercitata contro i civili palestinesi da parte di Israele durante il suo trentacinquesimo anno di occupazione della West Bank e della striscia di Gaza consistenti in torture, deportazioni, punizioni collettive ecc. sono considerate terrorismo. Tuttavia, tutti questi atti presentano numerose caratteristiche che potrebbero farli rientrare nella categoria degli atti terroristici.
Anteprima della tesi: Il trattamento dei membri di organizzazioni terroristiche internazionali con particolare riguardo al ''caso Guantanamo'', Pagina 13

Preview dalla tesi:

Il trattamento dei membri di organizzazioni terroristiche internazionali con particolare riguardo al ''caso Guantanamo''

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Veronica Sgatti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Marina Spinedi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 338

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

conflitti armati
detenuti
diritto umanitario
status giuridico
terroristi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi