Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il trattamento dei membri di organizzazioni terroristiche internazionali con particolare riguardo al ''caso Guantanamo''

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

12 CAPITOLO PRIMO Terrorismo e organizzazioni terroristiche internazionali 1. Origine ed evoluzione del terrorismo In seguito agli attentati dell’11 settembre 2001, una delle affermazioni più ricorrenti nel mondo politico e, in parte, nella dottrina giuridica è “viviamo nell’era del terrore” 1 , in quanto mai prima di allora erano stati commessi atti di terrorismo su scala globale da una rete transnazionale di gruppi terroristici dai vari obiettivi politici, ma che collaborano nell’addestramento, nel rifornimento di armi e nello scambio di “manodopera “ effettiva. Il fenomeno del terrorismo ha tuttavia antiche origini storiche. Il diffondere uno stato d’ansia e di paura causato da attacchi più o meno violenti e più o meno indiscriminati è stato da sempre considerato come il mezzo “illecito” più immediato per raggiungere determinati obiettivi, la cui natura può variare, di volta in volta, a seconda dei fini perseguiti dai suoi autori, attraverso attacchi contro obiettivi civili o autorità politiche. L’uso del termine terrorismo, inteso in senso moderno, nasce in Francia con il Regno del Terrore (1793-1794) di Robespierre e dei giacobini. Robespierre giustificò arresti, esecuzioni, torture, ghigliottina, sorveglianza sistematica su tutti gli strati della società e altri atti di terrore come il mezzo più efficace per combattere l’anarchia interna e l’invasione esterna 2 . Nel 1794, Babeuf utilizza il termine “terrorista” per qualificare i partigiani e gli agenti del Regno del terrore, soprattutto i rivoluzionari che avevano svolto funzioni pubbliche durante quel periodo 3 . Negli anni che vanno dal 1878 al 1914 in Europa e in Russia proliferano gruppi di anarchici che, creando un clima di insicurezza attraverso attentati terroristici, tentano di indebolire e distruggere i vari regimi d’Europa. 1 V., ad esempio, DINSTEIN, Humanitarian Law on the Conflict in Afghanistan, in ASIL Proceedings, 2002, p. 23. 2 Secondo il Dizionario enciclopedico Treccani, il primo significato della parola “terrorismo” è infatti quello di “regime politico, metodo di governo fondato sul terrore”. V. La piccola Treccani Dizionario enciclopedico, vol. XII, Roma, 1997, p. 30. 3 V. HUGUES, La notion de terrorisme en droit international: en quête d’une définition juridique, in Journal du droit international, 2002, p.755.

Anteprima della Tesi di Veronica Sgatti

Anteprima della tesi: Il trattamento dei membri di organizzazioni terroristiche internazionali con particolare riguardo al ''caso Guantanamo'', Pagina 7

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Veronica Sgatti Contatta »

Composta da 338 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3968 click dal 21/07/2004.

 

Consultata integralmente 46 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.