Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Presenza e azione di Ælfgifu di Northampton, regina madre e reggente nell'Impero del Nord di Canuto il Grande (1013-1040)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 Le tracce dello stanziamento scandinavo non furono però cancellate e, sotto l’egemonia dei re inglesi, i capi danesi o di origine danese conservarono i loro diritti di comando e i coloni le loro terre. Sebbene l’indipendenza politica della regione fosse durata non più di cinquant’anni, la sua diversità scandinava fu riconosciuta fino al tempo dei legislatori normanni 22 . Con il 959 ebbe inizio il periodo aureo del regno di Edgardo il Pacifico, caratterizzato dalla totale assenza di attacchi vichinghi, ma si trattò solo di un momento di calma apparente, perché nell’area scandinava erano in atto profonde trasformazioni politiche che avrebbero portato al consolidamento o alla costituzione di veri e propri stati nazionali. Danimarca, Svezia e Norvegia erano ancora dilaniate da lotte dinastiche e intente a combattersi, ma anche in grado di riunire formidabili concentramenti di forze 23 . Edgardo morì nel 975 e fu ben presto seguito dal figlio Edoardo, giovane e inviso a molti: egli fu ucciso nel 978, venendo più tardi canonizzato e soprannominato “il Martire”. È probabilmente giusto attribuire la responsabilità della sua morte ai sostenitori di Æthelred, fratellastro di Edoardo e suo successore: questo fatto di sangue costituì il nefasto esordio di un regno infelice, durante il quale il flagello dei Vichinghi tornò ad abbattersi sull'Inghilterra più forte che mai. 24 4. 2. Æthelred “Senza Consiglio” e la conquista danese dell’Inghilterra Gli attacchi vichinghi ricominciarono intorno al 990 e i nuovi incursori si rivelarono ben più pericolosi dei loro predecessori: partendo dalle coste inglesi orientali e occidentali, penetrarono fino ad Oxford, e furono di volta in volta persuasi ad allontanarsi solo con il versamento di cospicue somme di denaro, raccolte dal re mediante dure tassazioni imposte ai suoi sudditi. 22 C. HART, The Danelaw, London, Hambledon Press, 1992. 23 D. WILSON, ‘Danish kings and England in the late tenth and early eleventh centuries – economic implications’, Anglo-Norman Studies 23 (2000), pp. 188-196. 24 J. BLAIR, ‘The Anglo-Saxon Period (440-1066)’ in The Oxford History of Britain. Volume I. Roman and Anglo-Saxon Britain, a cura di K. O. MORGAN, Oxford, Oxford University Press, 1992, pp. 60-119.

Anteprima della Tesi di Luca Rognoni

Anteprima della tesi: Presenza e azione di Ælfgifu di Northampton, regina madre e reggente nell'Impero del Nord di Canuto il Grande (1013-1040), Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Luca Rognoni Contatta »

Composta da 136 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1993 click dal 22/07/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.