Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il fascista Paolo Orano, giornalista e primo storico del giornalismo (1919-1945)

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

3 preparazione costituito da anni di conferenze pubbliche e di accesa propaganda interventista, fattasi particolarmente intensa in occasione della prima guerra mondiale 4 . Nel dopoguerra Orano si era lasciato coinvolgere nell’attività politica promossa dal Partito dei Combattenti Sardi 5 e nel 1919 aveva pubblicato sul “Giornale d’Italia” un appello ai sardi in cui si subordinava la rinascita dell’isola alla capacità dei suoi abitanti di imporsi al governo centrale. Quello stesso anno il giornale regionalista cagliaritano “Il Popolo sardo” impone la sua candidatura a deputato nella lista cittadina degli ex combattenti e l’appoggio autorevole di Emilio Lussu, influente uomo politico sardo poi fondatore del Partito sardo d’azione, di ispirazione autonomista, gli garantiscono l’elezione che la stampa popolare e radicale aveva fortemente osteggiato, facendo leva sul suo contestato libello del 1896, La Psicologia della Sardegna, ripubblicato proprio allora 6 . 4 Orano, infatti, aveva già sostenuto una vivace campagna interventista dalle colonne del periodico “La Lupa” , da lui fondato e diretto in occasione della guerra italo-turca del 1911- 12. 5 Suo padre era di origini sarde e ciò spiega il suo deciso interessamento per questa terra anche se Paolo nacque a Roma e amava definirsi un “sardo-piemontese”: un “romano senza dialetto, senza accento dialettale”, che si sente di casa “a Trapani come a Zara, o a Nuoro; a Torino come a Imola”, ma senza “cupola, né paese”, di una “italianità assoluta, ma estraneità regionale” (estr. da una nota inedita riportata in CAMILLE MALLARMÉ, Un pensatore geniale: Paolo Orano, in “L’Eloquenza”, a. XXXVIII, marzo-aprile 1948, N. 3-4, pp.137-154, cit. p. 138). 6 P. ORANO, La psicologia della Sardegna, Roma 1896, Cagliari 1919. Si tratta di un’opera ritenuta offensiva e denigratoria nei confronti dell’isola per la sua mancanza di rispetto verso i valori tradizionali e la sua impostazione considerata razzistica . Per maggiori dettagli cfr. il cap. VI di questo lavoro e, in particolare, le pp. 289 sgg.

Anteprima della Tesi di Cesare Maraglio

Anteprima della tesi: Il fascista Paolo Orano, giornalista e primo storico del giornalismo (1919-1945), Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Cesare Maraglio Contatta »

Composta da 471 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5113 click dal 08/09/2004.

 

Consultata integralmente 13 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.