Skip to content

L'antica storia celtica della Britannia nelle fonti latine dell'Inghilterra fino a Goffredo di Monmouth

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 Marco, Graziano e Costantino - ed il Prefetto delle Gallie, impegnato a fronteggiare le popolazioni germaniche che alla fine del 406 avevano attraversato il Reno, non ebbe la possibilità di occuparsi di questi usurpatori. Nel 408, però, Pitti e Scoti attaccarono pesantemente l'isola che, priva del grosso dell'esercito, non potè respingere gli attacchi. La Britannia si ribellò, cacciò il governo dell'usurpatore Costantino (in quel momento impegnato in una campagna in Gallia ed in Spagna) ed affrontò i nemici sconfiggendoli, probabilmente con l'aiuto di mercenari barbari assoldati per l'occasione, poiché è probabile che con l'allontanamento dei funzionari di Costantino nemmeno l'esercito fosse più efficiente. Fu in questo periodo (siamo circa nel 410) che avvenne la partenza dei Romani 3 . Gli anni successivi costituirono per gli abitanti dell'isola un'epoca di lotte per la sopravvivenza. Purtroppo le fonti, in particolare quelle composte negli anni più prossimi a questi avvenimenti, si rivelano piuttosto reticenti; concordano, però, sul fatto che la Britannia, priva di una difesa valida, si trovasse esposta agli attacchi dei nemici di sempre: gli Scoti ad occidente ed i Pitti a settentrione. Presto la situazione dovette divenire insostenibile per i Britanni, i quali furono costretti a ricorrere all'aiuto di mercenari germanici. Accolti sull'isola più o meno allo stesso modo con cui l'Impero accettava dentro i propri confini popolazioni barbare in qualità di foederati, essi vennero stanziati sulla costa sud-occidentale. Non sapremo mai quanti fossero i mercenari Iuti che sotto la guida dei fratelli Hengist ed Hors giunsero sull'isola, ma le informazioni che ci forniscono le fonti fanno pensare ad un numero piuttosto limitato. In breve tempo al primo sbarco ne seguirono altri da varie regioni della Germania e della Danimarca, ed il loro numero dovette aumentare a tal punto che essi divennero presto alleati piuttosto scomodi. Nel giro di pochi anni gli ex-mercenari iniziarono la conquista del territorio, che nella sua prima fase sembra sia stata caratterizzata da una situazione, per così dire, intermedia tra il puro saccheggio e la conquista vera e propria: gli invasori forse iniziarono fin da subito un reale stanziamento sul territorio, ma è probabile che «le terre saccheggiate dagli invasori fossero molto più vaste di quelle realmente occupate in un primo tempo» 4 . Inizialmente i Britanni riuscirono ad organizzare una difesa efficace: ottenero un’importante vittoria 5 che segnò l'inizio di un periodo di lotte caratterizzato da un sostanziale equilibrio di forze e, verso il 500, riuscirono a sbaragliare i nemici nella battaglia del Monte Badon, garantendosi così un periodo di pace. Negli anni sucessivi, però, numerosi sbarchi di Sassoni ed Angli ebbero luogo sull'isola, e la penetrazione degli invasori verso ovest continuò, mentre i Britanni, divisi da lotte interne, opposero alla loro avanzata una resistenza sempre meno valida. Durante tutto il V secolo i regni anglosassoni andarono lentamente prendendo forma, ed alla fine del VI secolo troviamo testimoniati in Inghilterra dieci regni. I sette regni maggiori (che componevano la cosidetta Eptarchia) erano il Wessex, il Sussex e l'Essex, sassoni; la Mercia, l'East-Anglia ed i regni di Deira e Bernicia (che saranno unificati dal re Æthelfrith (593-616) nel regno di Northumbria), angli ed infine 3 Si veda in proposito quanto scrive F.J. Haverfield, Roman Britain, in “Cambridge Medieval History”, Cambridge, University Press, 1967, vol.I, XIII, p.379 (trad. it. Cambridge, Storia del mondo medioevale, Milano, Garzanti, 1978. L'edizione inglese è stata utilizzata limitatamente ai capitoli omessi nella traduzione italiana). 4 F.G.M.Beck, I popoli asiatici ed Attila. La conquista germanica della Britannia (trad. it.), in Cambridge Storia del mondo medioevale, cit. vol.I, p.369. 5 Cfr. HE I,16.
Anteprima della tesi: L'antica storia celtica della Britannia nelle fonti latine dell'Inghilterra fino a Goffredo di Monmouth, Pagina 7

Preview dalla tesi:

L'antica storia celtica della Britannia nelle fonti latine dell'Inghilterra fino a Goffredo di Monmouth

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Degli Esposti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1994-95
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Storia
  Relatore: Lidia Capo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 86

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agiografie
alfredo il grande
beda
britannia
galles
gilda
inghilterra
nennio
normanni
sassoni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi