Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le operazioni di ''merger leveraged buy-out'' nella prospettiva della banca finanziatrice

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Brevi cenni sull’evoluzione giuridica del MLBO È da premettere come il presente capitolo non ha alcuna pretesa di completezza; il suo fine è solo quello di indicare alcune delle più significative pronunce in materia di MLBO allo scopo di far comprendere al lettore come la nuova disciplina dettata dal legislatore della riforma sia stata una tappa finale del lungo e tortuoso percorso che il MLBO ha affrontato nel nostro ordinamento per raggiungere la piena legittimità. La prima decisione in materia di MLBO risale al 1992 6 Furlan c. Farmitalia Carlo Erba s.r.l., Nuova Montedison e altri. L’operazione di MLBO sottoposta al giudizio del Tribunale di Milano fu un’unica alchimia finanziaria di grande complessità attuata dal gruppo Montedison; essa fu oggetto di due distinte e discordanti pronunce dei giudici aditi in sede civile e in sede penale. In sede civile, il Tribunale affermò la piena legittimità del MLBO, non ritenendo fondata l’eccezione del socio di minoranza della Target; questi, impugnando la delibera di fusione affermava l’illegittimità dell’operazione adducendo la tesi del negozio in frode alla legge; in particolare affermava la violazione sostanziale degli artt. 2357 7 e 2358 8 c.c.. L’estraneità, affermata dalla corte, si fondava, sulla base delle caratteristiche del caso concreto, sul fatto cioè che l’operazione di MLBO non risultava né in contrasto con il divieto posto dall’art. 2357 c.c. dato che si escluse che vi fosse stato da parte della società acquisita acquisto di azioni proprie, né con l’art. 2358 c.c. sia in via diretta, dato che la società acquisita non aveva accordato alcun prestito o fornito garanzia per l’acquisto delle proprie azioni, 6 Tribunale di Milano 14 maggio 1992 in sede civile; Tribunale di Milano 30 giugno 1992 in sede penale. 7 Art. 2357 Acquisto delle proprie azioni. La società non può acquistare azioni proprie se non nei limiti degli utili distribuibili e delle riserve disponibili risultanti dall'ultimo bilancio regolarmente approvato. Possono essere acquistate soltanto azioni interamente liberate. L'acquisto deve essere autorizzato dall'assemblea, la quale ne fissa le modalità, indicando in particolare il numero massimo di azioni da acquistare, la durata, non superiore ai diciotto mesi, per la quale l'autorizzazione è accordata, il corrispettivo minimo ed il corrispettivo massimo. In nessun caso il valore nominale delle azioni acquistate a norma dei commi precedenti può eccedere la decima parte del capitale sociale, tenendosi conto a tal fine anche delle azioni possedute da società controllate. Le azioni acquistate in violazione dei commi precedenti debbono essere alienate secondo modalità da determinarsi dall'assemblea, entro un anno dal loro acquisto. In mancanza, deve procedersi senza indugio al loro annullamento e alla corrispondente riduzione del capitale. Qualora l'assemblea non provveda, gli amministratori e i sindaci devono chiedere che la riduzione sia disposta dal tribunale secondo il procedimento previsto dall'art. 2446, 2° c. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche agli acquisti fatti per tramite di società fiduciaria o per interposta persona. 8 Art. 2358 Altre operazioni sulle proprie azioni. La società non può accordare prestiti, né fornire garanzie per l'acquisto o la sottoscrizione delle azioni proprie. La società non può, neppure per tramite di società fiduciaria, o per interposta persona, accettare azioni proprie in garanzia. Le disposizioni dei due commi precedenti non si applicano alle operazioni effettuate per favorire l'acquisto di azioni da parte di dipendenti della società o di quelli di società controllanti o controllate. In questi casi tuttavia le somme impiegate e le garanzie prestate debbono essere contenute nei limiti degli utili distribuibili regolarmente accertati e delle riserve disponibili risultanti dall'ultimo bilancio regolarmente approvato.

Anteprima della Tesi di Pier Vincenzo Arrica

Anteprima della tesi: Le operazioni di ''merger leveraged buy-out'' nella prospettiva della banca finanziatrice, Pagina 3

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Pier Vincenzo Arrica Contatta »

Composta da 33 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5085 click dal 16/09/2004.

 

Consultata integralmente 7 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.