Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Moda e distribuzione

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

2 1.2. La gestione della varietà e della variabilità 1.2.1. L’aumento della complessità e le sue cause Nel comparto moda, il sistema d’offerta è da sempre stato incentrato sul prodotto. Questo ha saputo mantenere nel tempo un ruolo cardine, cosicché ancor oggi la percentuale più rilevante degli investimenti di un’impresa del settore sono relativi alla creazione e allo sviluppo del prodotto e alla sua promozione. Negli ultimi anni però, a seguito dell’allargamento dello scenario competitivo su scala globale, le imprese hanno dovuto spostare sempre più l’attenzione sulla razionalizzazione dei processi interni di progettazione e sviluppo e sulla ricerca di significativi miglioramenti nella qualità, nei tempi e nei costi. La scelta, quanto mai necessaria a fini competitivi, di seguire pedissequamente l’evoluzione dei gusti e delle preferenze dei consumatori finali, aveva portato molte imprese ad allargare fortemente la gamma dei prodotti offerti, generando una forte complessità a seguito dell’ampliamento della varietà e della variabilità. Per varietà si intende la numerosità dei codici relativi ad un singolo prodotto, quindi sia in termini di prodotto finito che di singole componenti (modelli, tessuti, accessori, taglie), presenti all’interno di una collezione. Per variabilità si intende il grado di innovazione dell’offerta, rilevato nel passaggio da una stagione ad un’altra. Oggi molte imprese si trovano a dover gestire questa complessità, con vincoli che spesso non è semplice contemperare; “una riduzione del numero di varianti modello o di varianti tessuto potrebbe essere interpretato, da un lato, come la rinuncia a servire i clienti più esigenti, o, dall’altro, come la volontà di porre un freno all’innovazione stilistica delle collezioni” 1 . Importante risulta rilevare che gran parte della complessità che le imprese si trovano a dover gestire deriva da fasi successive a quelle di sviluppo delle collezioni e si genera allorché queste entrano in contatto con i propri clienti, siano consumatori o distributori. Le collezioni sono infatti “il risultato dell’incontro tra la sensibilità stilistico-creativa, fonte dell’innovazione di prodotto, e le competenze di mercato, necessarie per un 1 SCIUCCATI, F.M. e VARACCA CAPELLO, P. [1999], Il sistema moda e la gestione della varietà, in «Economia e Management», n.5, (pag. 59).

Anteprima della Tesi di Alessandro Battaglia

Anteprima della tesi: Moda e distribuzione, Pagina 4

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Alessandro Battaglia Contatta »

Composta da 149 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8547 click dal 28/09/2004.

 

Consultata integralmente 35 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.