Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Politiche dell'immigrazione, modelli d'integrazione e prospettive interculturali in Provincia di Varese

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

18 L’effetto “11 settembre” è ben evidente laddove a criminalità si associa il terrorismo e l’Islam. Proprio per questo, tra gli altri, Maurizio Corte 12 indica che la pedagogia interculturale non deve limitare solo alla scuola l’impegno interculturale. Infatti questo potente influsso dei media deve essere ricondotto in un dialogo che non è né assimilazione del diverso, né mistificazione dello stesso. D’altro canto sollecita gli educatori e la scuola a insegnare ai giovani una fruizione critica dei mass media. “…è la nostra scuola che può far diventare i mezzi della comunicazione di massa educativi 13 ”. 1.5 Quadro legislativo Il percorso legislativo italiano si è mosso in materia immigrazione sempre con azioni posticipate di riparazione attraverso le famose sanatorie. Anche i dispositivi legislativi di riferimento si sono sempre caratterizzati con normative di contenimento e di restrizione piuttosto che in modo predittivo a favore dell’integrazione. Fino all’86 in Italia il fenomeno dell’immigrazione era regolato seguendo le norme del Testo Unico di Pubblica Sicurezza del 1931, cioè della legislazione fascista. Il dibattito politico si apre a inizio anni ’80 e porta alla legge 943 del 30-12-86, primo quadro normativo organico ma parziale perché concentrata sulla disciplina del lavoro degli immigrati. Il triennio 87-90 vede l’impegno più delle regioni di affrontare sul territorio la gestione e l’integrazione, per cui nascono i primi corsi di lingua italiana per stranieri per esempio. È del 1990 la legge 39 “Martelli” che introduce il permesso di soggiorno non guardando all’immigrato soltanto come un lavoratore. Ma la filosofia della legge rimane quella della chiusura, per cui c’è garantismo per chi è regolare ma blocco nei confronti di chi sarebbe arrivato successivamente. Ma il blocco dei clandestini non c’è stato, come neanche la tutela dei regolari. Nel 95 c’è stato il decreto 489 “Dini” che dava nuove indicazioni sulle espulsioni, e da molti commentatori tali norme vennero indicate come anti-costituzionali. Ma questo decreto decadde per non essere stato più rinnovato. 12 Maurizio Corte in “Immigrazione, mass media e pedagogia interculturale”pag. 325 su “Pedagogia interculturale in Italia e in Europa-aspetti epistemologici e didattici” a cura di Agostino Portera, Vita e Pensiero 2003 13 L.Secco, Dall’educabilità all’educazione, Morelli, Verona, 1990, pag.153.

Anteprima della Tesi di Carlo Tognola

Anteprima della tesi: Politiche dell'immigrazione, modelli d'integrazione e prospettive interculturali in Provincia di Varese, Pagina 15

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Carlo Tognola Contatta »

Composta da 238 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6535 click dal 29/09/2004.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.