Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le politiche economiche giapponesi negli ultimi trent'anni: un'analisi econometrica

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

10 più problemi: tendenzialmente sarei portato a dire che quando la crescita economica è sostenuta, non è necessario che il governo investa ulteriormente, anche perché come si è detto prima, gli spazi per investimenti “convenienti”, razionali, sono molto limitati; altra interpretazione plausibile è dovuta al crowding out. La stima non lineare con doppia variabile grilletto va valutata sotto un duplice aspetto: - quando la variabile grilletto è la moneta, se diventa rilevante quella parte non lineare vuol dire che l’offerta di moneta è cresciuta molto ed allora, se anche la spesa pubblica cresce molto potrebbe innescare, in condizioni normali, una spirale inflazionistica. Da tali circostanze, il pubblico considera il pericolo e l’economia non reagisce come invece fa di solito (parte lineare con coefficiente maggiore di zero); - quando la variabile grilletto è la politica fiscale, se è rilevante quella parte non lineare, vuol dire che “il governo ha speso molto in passato”: nel caso Giapponese, si è già detto, il Governo può essere biasimato per la scarsa propensione ad una seria valutazione rischio-rendimento e in una parola alloca le risorse in modo inefficiente; inoltre sappiamo che il debito pubblico del Paese ha raggiunto valori impressionanti, perciò se valesse l’equivalenza ricardiana, si potrebbe dire che il pubblico, sapendo di dover ripagare il debito, tende a risparmiare oggi per avere le risorse da cui attingere in futuro per sdebitarsi: mettendo insieme le due parti del discorso, si ricalca il pensiero di Modigliani (2001). La stima migliore tra quelle esposte è quella con doppia variabile soglia. Economicamente è un risultato interessante che la non linearità si verifichi rispetto alla politica monetaria e alla politica fiscale. Inoltre si è detto che i segni dei coefficienti non pongono problemi e perciò è, sotto questo aspetto, una buona stima. Da un punto di vista econometrico, questa stima ha un R 2 elevato (75%) e AIC e somma dei residui al quadrato più bassi tra tutte quelle proposte. Inoltre i test di

Anteprima della Tesi di Domenico Depalo

Anteprima della tesi: Le politiche economiche giapponesi negli ultimi trent'anni: un'analisi econometrica, Pagina 10

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Domenico Depalo Contatta »

Composta da 167 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2456 click dal 05/10/2004.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.