Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Un genocidio rimosso: il porrajmos zingaro

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

8 stato riscatto, nonostante essi abbiano subito, al pari degli ebrei, una persecuzione di tipo razziale, solo pochi decenni fa sono stati riconosciuti loro dalla Germania i diritti al risarcimento. Seppure ariani, cioè originari dell’India, hanno sofferto le persecuzioni: da qui il paradosso dell’essere stati braccati e sterminati proprio da coloro che sostenevano la superiorità e si prefiggevano il dominio millenario da parte della razza ariana. Ma “chi è questo essere umano abbandonato prima dell’olocausto, durante l’olocausto e dopo l’olocausto?” [Bruno Nicolini (sacerdote fondatore, nel 1963, dell’Opera Nomadi; ideatore del Centro Studi Zingari e della rivista Lacio drom), in Zingari ieri e oggi, 1993, pag. 123]. Gli zingari non hanno un territorio autonomo, non hanno istituzioni come noi le intendiamo, nessun eroe, niente leggi scritte né regnanti, non hanno né eserciti né colonie, quindi non si prefiggono di raggiungere alti interessi nazionali. Un popolo transnazionale che non ha mai dichiarato guerra a nessun altro popolo e non è mai ricorso al terrorismo per rivendicare il sacrosanto diritto alla propria esistenza. In tantissimi stati i rom non sono considerati nemmeno come minoranze linguistiche - anche in Italia è così: tutto ciò ha reso possibile la loro estraneità ai trattati di pace, agli accordi, a tutte le fasi cruciali che le nazioni vivono. Un popolo senza voce quindi, un vero paradosso se si pensa che la loro cultura e le molteplici tradizioni si tramandano da secoli per via orale e la maggioranza degli zingari sia analfabeta. Gli ultimi degli ultimi, niente risarcimenti, niente riconoscimenti, ma soprattutto la drammatica situazione a tutt’oggi, cioè la sistematica soppressione di alcuni diritti fondamentali appartenenti ad ogni individuo. Sono invisibili giuridicamente,

Anteprima della Tesi di Fabrizio Scarponi

Anteprima della tesi: Un genocidio rimosso: il porrajmos zingaro, Pagina 6

Tesi di Laurea

Facoltà: Sociologia

Autore: Fabrizio Scarponi Contatta »

Composta da 245 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4382 click dal 08/10/2004.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.