Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il diritto di accesso ai documenti amministrativi

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

13 1.2 Il diritto di accesso nelle leggi di settore. Per quanto riguarda la legislazione di settore, occorre distinguere la legislazione antecedente l’emanazione della legge 241/90, e quella ad essa successiva. Le prime aperture all’informazione dei cittadini si sono avute in materia urbanistica. In questo settore la legge principale, la n. 1150 del 1942, prevedeva, all’articolo 9, il diritto di prendere visione degli atti del progetto relativo al piano regolatore generale da parte di “chiunque” vi abbia interesse. Inoltre, la circolare ministeriale del 7 luglio 1954 n. 2495 estendeva a tutti i cittadini del Comune la facoltà di presentare osservazioni, facoltà questa, che la legge del ’42 aveva riservato soltanto alle associazioni sindacali, agli altri enti pubblici ed alle associazioni interessate. Un’altra norma importante in materia è quella contenuta nella legge urbanistica dell’agosto 1967 che stabiliva all’articolo 10 il diritto di chiunque di prendere visione, presso gli uffici comunali, della licenza edilizia dei relativi atti di progetto. Significativa era anche la legge relativa agli archivi di Stato del 1963, il d. P. R. n. 1409, che all’articolo 21 stabilisce che i documenti conservati negli archivi di Stato sono liberamente consultabili, ad eccezione di quelli di carattere privato contenenti dati riguardanti la politica estera o la politica interna dello Stato. 31 Nel settore sanitario e lavoristico, una diretta partecipazione dei lavoratori, alla gestione del diritto alla salute in fabbrica ed il loro diritto alla verifica della sicurezza nell’ambiente di lavoro, è avvenuto con una precisa disposizione dello Statuto dei lavoratori (legge n. 300 del 1970). La disposizione è contenuta nell’articolo 9, che prevede espressamente che: ”i lavoratori, mediante loro rappresentanze, hanno diritto di controllare l’applicazione delle norme per la prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali, nonché, di promuovere la ricerca, l’elaborazione e l’attuazione di tutte le misure idonee a tutelare la loro salute e l’integrità fisica”. 31 R. Scarciglia, op. cit. , p. 35 e ss.

Anteprima della Tesi di Maurizio Ancona

Anteprima della tesi: Il diritto di accesso ai documenti amministrativi, Pagina 13

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Maurizio Ancona Contatta »

Composta da 196 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15473 click dal 15/10/2004.

 

Consultata integralmente 71 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.