Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La comunicazione degli spettacoli dal vivo

L'anteprima di questa tesi è scaricabile in PDF gratuitamente.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline.
L'iscrizione non comporta alcun costo. Mostra/Nascondi contenuto.

Introduzione La comunicazione degli spettacoli dal vivo XII sintomo della riconosciuta importanza strategica data alla comunicazione dalle agenzie nei confronti dei teatri, ma può anche derivare dal fatto che i teatri poggiano la loro sicurezza sugli abbonamenti, fonte sicura e anticipata di reddito, e sui finanziamenti pubblici che li "difendono" anche da un afflusso scarso di pubblico. La problematica della liquidità carente non è di facile risoluzione in quanto è legata a molte variabili anche esterne alle strutture che propongono spettacoli dal vivo. Tuttavia, un elemento che dovrebbe essere prima di tutto corretto è l'atteggiamento, presente in molte ist tuzioni culturali, che porta a considerare la spesa in comunicazione più un costo che un investimento; la differenza è lieve, ma è indicativa di una mentalità a lungo termine e non legata unicamente alle necessità contingenti. Chi non ha questa mentalità pensa ed agisce per il breve termine, cercando di risolvere volta per volta il problema di "vendere" lo spettacolo. Invece, per colui che agisse in un'ottica rivolta al futuro, la preoccupazione di vendere, nel vero senso della parola, sarebbe rassicurata da una attività, cominciata mesi prima, di investimento, non solo inteso in meri termini di acquisto di strumenti di comunicazione, ma anche in termini di predisposizione di quelle strategie di comunicazione che permettono un monitoraggio quasi continuativo della diffusione dell'immagine dello spettacolo. Inoltre, un altro errore diffuso fra gli addetti alla comunicazione è non preoccuparsi di sapere quanto è il budget predisposto per l'attività che devono svolgere; la conoscenza approssimativa di quanto si ha a disposizione è un altro vincolo alla predisposizione di piani di comunicazione a lungo termine. D. Strategie diffuse: come si è detto al punto B, il lavoro di comunicazione non è costruito su delle vere e proprie strategie, in quanto spesso manca proprio la fase di pianificazione e programmazione strategica; molte delle scelte fatte sono decise in maniera contingente, sono per lo più basate su

Anteprima della Tesi di Sara Ferrini

Anteprima della tesi: La comunicazione degli spettacoli dal vivo, Pagina 12

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Sara Ferrini Contatta »

Composta da 417 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4841 click dal 18/10/2004.

 

Consultata integralmente 16 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.