; Skip to content

I giovani e la religione, tra coerenza e contraddizione. Un'indagine tra gli studenti del corso di mediazione dell'Università dell'Insubria.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
9 si dichiarano credenti si definiscono praticanti. Afferma inoltre che questa situazione si ri- scontra in Inghilterra, ma allo stesso modo si può riscontrare nella maggior parte dei paesi economicamente più sviluppati. Anche gli italiani possono rispecchiarsi in questa espres- sione, vista la discrepanza tra il numero di credenti e il numero di praticanti 13 . Altro dato significativo riguarda la partecipazione ai sacramenti: l’86,8% degli ita- liani ritiene che il Battesimo sia un sacramento importante, mentre l’85,3% crede nel ma- trimonio svolto con rito religioso. Sono invece pochi coloro che danno valore alla confes- sione. 14 Si può dedurre che i cattolici sono diventati più “pigri” e “riservati”, dato che non frequentano le funzioni religiose e praticano la religione in privato. Si potrebbe quasi pen- sare che i cattolici si siano avvicinati ad alcune caratteristiche tipiche del Protestantesimo: questo ramo del Cristianesimo non attribuisce valore alla chiesa e alle istituzioni religiose e non crede che il sacramento della Confessione debba avvenire con l’aiuto di un intermedia- rio, come avviene invece nel Cattolicesimo attraverso il sacerdote. Per quanto riguarda il matrimonio, possiamo ricavare dei pareri differenti. Forse ciò che spinge maggiormente gli italiani verso il matrimonio è la religione, corrispondente al desiderio di sentirsi uniti di fronte a Dio ed avere la benedizione di un suo “ministro”. Un’altra spiegazione può essere il tradizionalismo che contraddistingue gran parte della popolazione italiana. Spesso le famiglie spingono i propri figli a sposarsi per tradizione familiare e tante volte sono i genitori che spingono i due figli (anche se poco credenti) ad ufficializzare in Chiesa la propria unione. Altra motivazione può essere quella legata alle sensazioni ed alle emozioni del giorno del matrimonio: l’abito bianco, l’album fotografico, il lancio del riso, il ricevimento con amici e parenti, ecc. La voglia di sentirsi “regina per un giorno” e stare al centro dell’attenzione possono essere degli stimoli verso il matrimo- nio religioso. Tornando alla situazione italiana in generale, Arnaldo Nesti afferma che in Italia ‹‹il Cattolicesimo svolge una grande presenza, ma si risolve essenzialmente sul piano indi- viduale come osservanza dei comandamenti, rispetto dei precetti ecclesiastici e pratica del- la morale cristiana››; pone anche in evidenza la scarsa rilevanza della religione a livello 13 Cipriani R., Nuovo manuale di sociologia della religione, Roma (RM), Edizioni Borla srl, 2009, pp 379- 380. 14 Eurispes, Rapporto Italia 2006, disponibile online all’indirizzo http://www.eurispes.it/index.php? op- tion=com_content&view=article&id=584:rapporto-italia-2006&catid=47:rapporto-italia&Itemid=222, consultato il 22 Febbraio 2011.
Anteprima della tesi: I giovani e la religione, tra coerenza e contraddizione. Un'indagine tra gli studenti del corso di mediazione dell'Università dell'Insubria., Pagina 7

Preview dalla tesi:

I giovani e la religione, tra coerenza e contraddizione. Un'indagine tra gli studenti del corso di mediazione dell'Università dell'Insubria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessia Pinto
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi dell'Insubria
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Scienze della mediazione linguistica
  Relatore: Alessandro Ferrari
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 93

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi