; Skip to content

La comunicazione nella fantascienza

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I Il tramonto del libro 1. Gli uomini-libro di Bradbury Sul ruolo fondamentale della tecnologia cartacea nella storia dell‟umanità si sono soffermati diversi teorici della comunicazione; primo fra tutti il canadese Harold Adams Innis, autore di una storia delle comunicazioni pubblicata nel 1950 1 in cui afferma che “senza carta, cioè senza libri, giornali e gazzette ufficiali, mastri e registri contabili, certificati azionari (e relative cedole per l‟incasso dei dividendi), l‟economia contemp oranea non avrebbe potuto funzionare, e addirittura non avrebbe potuto nascere.” 2 Dunque, continua Innis, visto che oggi il supporto cartaceo riveste una tale importanza, questo deve essere stato valido in passato anche per la pergamena, il papiro, la pietra e l‟argilla. Pur senza dimenticare il rilievo della comunicazione orale, Innis divide la storia dell‟Occidente nei due periodi della scrittura e della stampa. Nel suo libro ricostruisce per sommi capi la storia della comunicazione scritta, dall‟Egitto f araonico (in cui la casta degli scribi garantiva al clero il monopolio della conoscenza) al mondo greco-romano, passando in rassegna i vari supporti scrittori, il papiro e poi la pergamena che, strettamente legata alla diffusione del cristianesimo, rimpiazzerà il papiro e sarà poi rimpiazzata, a sua volta, dopo il Mille, dalla carta. In questi secoli, mentre si sta intanto facendo sempre più profonda la distanza tra latino e lingue volgari, usate nella vita quotidiana; “nel mondo dei dotti diventa fondament ale la visione dello scritto, non la comunicazione verbale, si afferma cioè una filologia dell‟ occhio, non dell‟ orecchio.” 3 Con la radio si avrà, molti secoli dopo, persino una rivincita dell‟oralità. Lo studioso canadese giunge fin qui. Oggi potremmo aggiungere che con la televisione più che mai la comunicazione orale – oltre che visiva – fluisce nelle case e si estende su grandi spazi geografici. E‟ importante sottolineare che “la comunicazione non consiste per Innis solo nel suo contenuto, ma anche (forse soprattutto) nel suo veicolo, che può essere concreto (una tavoletta cerata, un quotidiano), ma anche immateriale (una strada, una rotta marittima).” 4 Le conclusioni di Innis introducono un concetto che diverrà una frase chiave negli studi sulla comunicazione: il medium è il messaggio, cioè i veicoli della comunicazione contano e contano nella misura in cui gli strumenti del comunicare sono in diretta relazione con il potere. La seconda guerra mondiale e l‟inizio della guerra fredda convinsero Innis e Eric A. Havelock, un classicista che aveva pubblicato un libro sul rapporto tra scrittura e oralità ai tempi di Omero, dell‟esistenza di un nesso stretto tra comunicazione, monopolio della conoscenza, formazione di imperi territoriali ed economici, e la guerra. Il concetto viene ribadito da Mattelart, il quale prende in considerazione le varie vicende belliche partendo dalla campagna d‟Egitto di Napoleone (1798) che si avvaleva di un apparato di comunicazione all‟avanguardia per l‟epoca (stampatori, stazioni di telegrafo ottico) fino ad arrivare alle moderne tecnologie all‟opera durante la guerra del Golfo (1991) e, aggiungiamo, alla recentissima guerra condotta dagli USA contro i terroristi afgani. La comunicazione, come la guerra, è proclamata “agente di civilizzazione”; le miserie della conquista che vanno di pari passo con i “benefici della pace”. Lo sbarco dei marines a Cuba fu giustificato con “la pretesa di aiutare gli autoctoni a liberarsi di un impero spagnolo moribondo. Per la prima volta nella storia, l‟opinione pubblica, sobillata da una stampa sensazionalistica, diviene l‟alibi di un intervento imperiale.” 5
Anteprima della tesi: La comunicazione nella fantascienza, Pagina 7

Preview dalla tesi:

La comunicazione nella fantascienza

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Massimo Acciai
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Luca Toschi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 176

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi