Skip to content

Analisi comparata fra le edizioni brasiliana e portoghese del romanzo ''Veronika decide morrer'' di Paulo Coelho

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Analisi comparata fra le edizioni brasiliana e portoghese del romanzo ''Veronika decide morrer'' di Paulo Coelho, Pagina 8
L’illusione che in Brasile e in Portogallo si parli la stessa lingua è dovuta alla morfologia analoga e 
al vocabolario comune, nonostante le parole non abbiano sempre lo stesso significato nei due Paesi. 
Oltre alle differenze di uso e delle risorse sintattiche e lessicali, sono diverse anche le intenzioni che 
riguardano gli usi. Visioni diverse del mondo implicano visioni e usi diversi della lingua. Enormi 
differenze ci sono anche nell’ambito della prosodia, nel ritmo del parlato, nell’intonazione degli 
enunciati e, infine, in tutto un insieme di regole di uso delle risorse foniche.  
Sempre secondo l’autore citato, se si immagina il latino come un fiume da cui partono le lingue 
romanze, il PB potrebbe già essere considerato come una di queste lingue. Nato nel 1500, con 
l’arrivo dei portoghesi, ha cominciato il suo processo continuo di variazione e cambiamento, che 
ormai prosegue da oltre cinquecento anni. L’autore ritiene che sia il PE che il PB, nelle loro forme 
attuali, rappresentino due varietà che derivano dal portoghese parlato in Portogallo nel 1500. Passati 
oltre cinquecento anni tanto il PB quanto il PE si sono modificati, ognuno ha seguito la propria 
direzione e all’interno di essi sono state operate scelte diverse. La tendenza è che tale 
differenziazione sia sempre più grande con il passare del tempo. 
Quando si afferma che il portoghese è una delle lingue più parlate al mondo, si tratta in realtà del 
PB, lingua materna di oltre centosettanta milioni di persone. Se le differenze tra il PB e il PE 
fossero riconosciute, l’insegnamento della lingua sarebbe più democratico e realista, e si 
accetterebbero come giuste e corrette, anche nella scrittura più formale, le costruzioni grammaticali 
presenti nella lingua materna dei brasiliani, impiegate quotidianamente dal nord al sud del Paese.  
Ammettere le differenze tra il PB e il PE significa ammettere le differenze tra le due culture. Ogni 
cultura ha uno stretto rapporto con l’ecologia – suolo, clima, topografia, idrografia, ecc. – e con i 
fattori etnografici – la composizione etnica della popolazione. Sulla base di tutti questi fattori che 
influiscono sulle esigenze comunicative e sulle necessità espressive di ogni persona e di ogni 
società, occorre quindi riconoscere la familiarità linguistica, ma non l’identità tra il PB e il PE.  
L’autore crede che il PB si trovi in uno stadio intermedio della sua evoluzione. Cinquecento anni fa 
poteva essere chiamato semplicemente “portoghese”. Oggi potrebbe e dovrebbe essere chiamato 
“portoghese brasiliano”. Magari fra altri cinquecento anni potrà essere chiamato soltanto 
“brasiliano”. 
 
 
1.4 (Dis)accordo ortografico 
 
Per quanto riguarda la questione dell’accordo ortografico, sono interessanti le affermazioni di 
SILVA (2008), il quale rileva che il PB, con le sue varianti regionali, è molto più vocalico del PE 

Preview dalla tesi:

Analisi comparata fra le edizioni brasiliana e portoghese del romanzo ''Veronika decide morrer'' di Paulo Coelho

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Angélica Silveira Caldi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scuola sup. di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori
  Corso: Comunicazione interlinguistica applicata
  Relatore: Carla Valeria de Souza Faria
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 74

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

accordo ortografico
analisi comparata
confronto tra edizioni
differenze linguistiche
edizione brasiliana
edizione portoghese
lingua portoghese
linguistica
paesi lusofoni
portoghese brasiliano
portoghese europeu
pregiudizi linguistici
traduzione
varianti linguistiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi