Skip to content

Bioetica e tabù linguistico: aborto, eutanasia, identità di genere. Il processo di interdizione linguistica e le strategie sostitutive nelle lingue russa e inglese.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Bioetica e tabù linguistico: aborto, eutanasia, identità di genere. Il processo di interdizione linguistica e le strategie sostitutive nelle lingue russa e inglese., Pagina 8
10 
 
“malattia”, determinò la scomparsa di quest’ultimo termine in favore di “disease”, che 
originariamente deteneva valore eufemistico, con il significato di “mancanza di 
benessere”
14
. In italiano il verbo “scopare” ha sia il significato di “spazzare con la 
scopa” che quello di “avere un rapporto sessuale”. 
Relativamente all’ortofemismo,  
 
The concepts of euphemism and dysphemism imply the presence of direct terms that are neither 
sweet-sounding, evasive, overly polite (euphemistic) nor harsh, blunt or offensive (dysphemistic); such 
expressions we call orthophemisms
15
.  
 
Quindi, potremmo definire l’ortofemismo come un termine percepito con valenza 
neutrale, laddove l’eufemismo e il disfemismo costituiscono rispettivamente le sue 
versioni migliorative e peggiorative. Volendo esemplificare tali definizioni, per riferirci 
all’organo s essuale femminile useremo il termine “vagina” in qualità di ortofemismo, 
“patatina” in qualità di eufemismo, “fica”
16
 in qualità di disfemismo. L’ortofemismo è 
generalmente un termine formale e diretto, mentre eufemismi e disfemismi sono parole 
colloquiali e figurative, che in questo caso sono state ricavate dall’uso di metafore , con 
l’aggiunta del suffisso diminutivo, nel caso del termine con valore eufemistico 
“patatina”.  
 eith Allan e  Kate Burridge definiscono «cross-varietal synonymy»
17
 le parole con lo 
stesso significato ma con utilizzo diversificato in base al contesto. Esse, infatti, 
rimandano al medesimo referente, ma con connotazioni differenti. Il parlante medio è 
dunque in grado di riconoscere gli eufemismi, i disfemismi e gli ortofemismi che 
                                                             
14
 Cfr. Palmer L. R., An Introduction to Modern Linguistics, Macmillan, London, 1936, p. 111. 
15
 Allan K., Burridge K., Forbidden Words. Taboo and the Censoring of Language, Cambridge 
University Press, Cambridge, 2006, p. 240. 
16
 Relativamente al processo per cui in presenza di due omofoni, di cui uno sottoposto a interdizione 
linguistica, anche il termine innocuo tende ad essere contaminato, risulta particolarmente interessante la 
storia del termine “fica”. Nella sua accezione di organo sessuale femminile, esso fu introdotto nella lingua 
latina come calco dal greco sykon col significato di “fico” e con valenza metaforica. Success ivamente, nel 
passaggio alla lingua volgare, il termine “fica” nell’accezione di “frutto dell’albero di fico” è stato 
censurato. Infatti, nella lingua italiana i frutti vengono indicati mediante il genere femminile e l’albero 
attraverso il genere maschile, come “mela” per “frutto del melo”. Il termine “fico”, invece, si utilizza per 
designare sia il frutto che l’albero. Cfr. Boggione V., Casalegno G., Dizionario storico del lessico erotico 
italiano, voce: fica, fico, TEA, Milano, 1999, pp. 464-466. 
17
 Allan K., Burridge K., Forbidden Words. Taboo and the Censoring of Language, op. cit., p. 47.

Preview dalla tesi:

Bioetica e tabù linguistico: aborto, eutanasia, identità di genere. Il processo di interdizione linguistica e le strategie sostitutive nelle lingue russa e inglese.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Laura Bellucci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue nella Società dell'Informazione
  Relatore: Antonio Filippin
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 121

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

linguistica
eutanasia
inglese
bioetica
russo
tabù
transessualismo
aborto
interdizione linguistica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi