Skip to content

Centralità metropolitane. Nuove categorie di interpretazione della conurbazione Pescara-Chieti

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Centralità metropolitane. Nuove categorie di interpretazione della conurbazione Pescara-Chieti, Pagina 3
ma sono caratterizzate dalla ripetizione e dalla 
cadenza dei flussi o delle attività specifiche del 
territorio. All’evoluzione insediativa si accompagna-
no i cambiamenti funzionali indotti dai recenti inter-
venti sulla struttura della città e sulla sua corona 
orientati in direzione di una più marcata specializza-
zione funzionale del territorio. Il consolidarsi di 
queste tendenze ha teso ad accrescere la separa-
zione tra luoghi di residenza, luoghi di lavoro e luoghi 
di svago con evidenti ripercussioni sulla mobilità e 
sui flussi in ingresso e in uscita dal capoluogo. Ne   
consegue  un aumento della mobilità tradizionale 
che avviene tanto per motivi di studio o di lavoro 
quanto per le attività legate al tempo libero e allo 
svago. (A tal proposito si cita la ricerca dell’Istituto 
Superiore Formazione e Ricerca per i Trasporti 
“Come cambia il pendolarismo” - AUDIMOB Osser-
vatorio sui comportamenti di mobilità degli Italiani - 
all’interno della quale si riconoscono ulteriori motiva-
zioni, di natura più selettiva ed elastica che spingo-
no i cittadini a spostarsi, oltre lo studio ed il lavoro 
rilevati dall’ISTAT, quali, ad esempio, visite ai parenti, 
“Rinascimento metropolitano.” 
Il piano strategico dell’area metropolitana di 
Firenze
Succesivamente all’analisi de “La città metropolita-
na una confusa riforma italiana” un ulteriore 
passaggio è stato quello di capire più da vicino 
come le “vere realtà metropolitane” fossero organiz-
zate e tale curiosità ha trovato terreno fertile nello 
studio del Piano Strategico dell’ Area Metropolitana 
di Firenze, all‘interno del quale è stata operata una 
suddivisione in “ritmi territoriali” come espressione 
delle differenze che ciascuno di essi presenta. In 
prima analisi, in richiamo anche alla lettura di Mistri, 
il perimetro metropolitano di Firenze potrebbe 
essere messo in discussione in quanto la sua 
estensione risulta perfettamente entro i canonici 
confini provinciali, ma, scopo dell’analisi del Piano, è 
stata la lettura del territorio capace di travalicare 
i confini amministrativi e far emergere le peculia-
rità del contesto. Queste le premesse alla base 
della metafora dei “ritmi territoriali”. La metafora del 
ritmo, ripresa dal Racconto urbanistico di Bernardo 
Secchi, rappresenta la specificità all’interno dello 
stesso territorio metropolitano, dunque un territorio  
definito da diversi ritmi ha una sua flessibilità e varia-
bilità di linguaggio, simbolo di una realtà sfaccetta-
ta e in perpetuo mutamento. La metafora del 
ritmo pertanto si adatta, indice di territori dinamici, si 
plasma, descrizione di realtà profondamente diver-
se tra loro e si riverbera a definizione di diverse 
geografie variabili.
I ritmi definiscono una geografia con confini sfuma-
ti e variabili che si estendono al di là dei convenzio-
nali limiti amministrativi, cogliendo la capacità di 
leggere le tendenze e le trasformazioni in atto sul 
territorio metropolitano a livello di città e di area. Le 
diverse forme del ritmo non sono necessariamente 
legate al concetto di velocità o sviluppo dei territori, 
Immagine concettuale della suddivisione del territorio 
metropolitano di Firenze in “Ritmi metropolitani”, tratta dal 
Piano Strategico 2030 “Rinascimento metropolitano”.
7

Preview dalla tesi:

Centralità metropolitane. Nuove categorie di interpretazione della conurbazione Pescara-Chieti

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michela Altobelli
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Architettura
  Corso: Architettura
  Relatore: Roberto Mascarucci
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 87

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

progetto
planning
città
area
area metropolitana
layer
centralità
città metropolitana
conurbazione
dotazioni

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi