Skip to content

Educazione, scuola e progresso sociale nel pensiero pedagogico di John Dewey

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Educazione, scuola e progresso sociale nel pensiero pedagogico di John Dewey, Pagina 5
6 
 
concetto di esperienza e dal pensiero riflessivo, tra loro strettamente connessi. Infine, 
coerentemente con la sua forma mentis, sempre attenta alle sfide culturali del presente, è 
opportuno annoverare tra le influenze anche i grandi cambiamenti sociali che hanno 
accompagnato la sua biografia intellettuale. Lo è soprattutto se si considera che Dewey ha 
vissuto gli avvenimenti più significativi di quasi un secolo di storia, dalla seconda 
rivoluzione industriale alla nascita della società di massa, passando per due guerre mondiali 
e per la parabola dei regimi totalitari, fino alla resa degli stessi e alla divisione del mondo in 
due blocchi ideologici. 
Procedendo con ordine
6
, il pragmatismo è un movimento filosofico che nasce e si sviluppa 
negli Stati Uniti alla fine del XIX secolo
7
 e, per quanto contraddistinto al suo interno da una 
molteplicità di indirizzi, se ne può individuare un comune denominatore, di chiara rottura 
rispetto al passato, in una nuova concezione del pensiero, visto ora come un processo di 
intervento attivo sulla realtà e non come mera contemplazione di verità prestabilite o 
ricezione passiva dei dati sensibili provenienti dal mondo esterno. Nella genesi del 
pragmatismo è centrale l’influenza esercitata dalla teoria darwiniana dell’evoluzione e dalle 
sue implicazioni in ambito biologico, sintetizzabili nel rapporto dinamico e conflittuale che 
lega costantemente l’essere vivente all’ambiente circostante. Sulla base di tale premessa i 
pragmatisti interpretano il pensiero come uno strumento che facilita l’adattamento dell’uomo 
al proprio ambiente naturale e sociale, in un processo di reciproco adattamento tra il soggetto 
e la realtà esterna. Si assiste quindi ad una rivalutazione dell’azione e la verità si trasforma 
da stato mentale ad attività, un processo conoscitivo nel quale la verità di un’azione risiede 
nell’effetto futuro dell’azione stessa.  
Entrando nel merito dello strumentalismo, che rielabora i nodi essenziali del pragmatismo 
americano e al quale Dewey approda attraverso una revisione critica dell'idealismo 
hegeliano
8
, esso rappresenta «una radicale conversione verso quel naturalismo umanistico»
9
 
 
6
 Nell’economia del presente lavoro non ho ritenuto necessario approfondire l’influenza dell’idealismo 
hegeliano, meno rilevante a partire dal periodo di Chicago (1894-1904). 
7
 Convenzionalmente il movimento pragmatistico si considera iniziato da C.S. Peirce, con la pubblicazione 
dell'articolo How to make our ideas clear su Popular Science Monthly nel gennaio 1878, ma si è sviluppato di 
fatto solo un ventennio più tardi, soprattutto grazie all’opera di William James. Con il suo primo interprete, 
Charles Sanders Peirce, il pragmatismo si configura in termini metodologici, come una teoria del significato 
nella quale il significato si identifica con l’insieme delle conseguenze pratiche derivanti dalla sua accettazione, 
mentre con William James e lo stesso Dewey il pragmatismo si evolve in termini utilitaristici e diviene piuttosto 
una teoria della verità nella quale la verità tende ad identificarsi con l’utilità pratica. 
8
 La realtà non può essere concepita come razionalità assoluta. È un tutto, unitario come vuole la tradizione 
hegeliana, ma in essa non coincidono essere e dover essere. 
9
 A. Visalberghi, Il filosofo dello spirito scientifico, in J. Dewey, Logica, teoria dell’indagine, vol. I, a cura di 
A. Visalberghi, Reprints Einaudi, Torino, 1974, p. XI. Come la scuola-laboratorio, anche lo sviluppo dello

Preview dalla tesi:

Educazione, scuola e progresso sociale nel pensiero pedagogico di John Dewey

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Michele Nucciotti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scenze dell'Educazione
  Relatore: Francesca Borruso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 72

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi