Skip to content

Genealogia del pensiero transumanista: dagli albori ai dilemmi contemporanei

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Genealogia del pensiero transumanista: dagli albori ai dilemmi contemporanei, Pagina 5
5 
 
forme antropomorfe. Leggende medievali fanno riferimento a delle teste di ottone 
fabbricate dal frate francescano, filosofo naturale e alchimista Roger Bacon nel XIII 
secolo, che con l’aiuto di alcuni demoni al suo servizio avrebbe prodotto i pezzi. 
L’automa una volta animato sarebbe stato in  grado, come un computer, di 
permettere al suo creatore di svolgere lavori più complicati in meno tempo, 
altrimenti impossibili per un essere umano. Per via dei suoi scritti scientifici 
rivoluzionari nel campo dell’ottica e della meccanizzazione, all’inizio del 1500 la 
figura di Bacon diventa simbolo dei pericolosi effetti sociali dell’alchimia, 
divenendo più un mago che un filosofo naturale agli occhi delle persone. Il suo 
lavoro viene infatti dichiarato eretico nel 1278 per via dell’anarchia metodologica e 
dello sconfinamento disciplinare: egli infatti nonostante le pressioni continua a non 
seguire i dettami classici e a ritenere più importanti ed appropriati gli esperimenti e la 
matematica. Affascinato dalla meccanica, in un suo libro intitolato De nullitate 
magiae (tradotto in “La lettera di Roger Bacon riguardante la meravigliosa potenza 
dell’arte e della natura e la nullità della magia”), scrive di macchine volanti, carri e 
navi in grado di spostarsi senza i classici metodi di propulsione. Egli non è il solo, 
oltre a lui sono associati alla creazione di umanoidi artificiali anche altri alchimisti e 
filosofi come: Gerberto di Aurillac (Papa Silvestro II), Alberto Magno, Guglielmo 
d’Alvernia e Roberto Grossetesta. Nonostante quelle citate siano leggende, per lo più 
raccontate in accezione negativa, rivelano un legame tra alchimia e meccanica e 
svelano le radici della robotica nell’era moderna. A cavallo tra il 1400 e il 1500 due 
alchimisti, Philippus Aureolus Theophrastus Bombastus von Hohenheim, detto 
Paracelso e Heinrich Cornelius Agrippa di Nettesheim, dichiarano di essere in grado 
di creare una forma di vita organica, ossia un’entità con sembianze umane. L’essere 
prende il nome di Omuncolo e la fase di creazione prevede quaranta giorni di 
fermentazione di seme umano, letame equino e sangue in un recipiente sigillato, 
come descritto nel De Natura Rerum (Sulla natura delle cose) di Paracelso. Si tratta 
perciò di attuare una riproduzione asessuata, più precisamente un «abiogenesis»
5
, 
processo con il quale si formano insetti partendo da materia organica in putrefazione. 
La leggenda dell’Omuncolo mostra una netta somiglianza con quella del Golem 
apparentemente creato dai rabbini Judah ben Loew di Praga ed Elijah di Helm in 
                                                             
5
 LaGrandeur, Do Medieval and Renaissance Androids Presage the Posthuman?, 4.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Genealogia del pensiero transumanista: dagli albori ai dilemmi contemporanei

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Preti
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2018-19
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Scienze sociali per la cooperazione, lo sviluppo e la pace
  Relatore: Luca  Bellocchio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

etica
tecnologia
technology
ethics
politics
postumanesimo
transumanesimo
posthumanism
transhumanism
science

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi