Skip to content

Giuseppe Mazzini, Pio IX e il Concilio Ecumenico Vaticano I: fede e laicità nell'Italia risorgimentale

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Giuseppe Mazzini, Pio IX e il Concilio Ecumenico Vaticano I: fede e laicità nell'Italia risorgimentale, Pagina 4
 dallo stagliarsi in lontananza, quasi come un regista fuori campo, della figura del 
lungimirante statista Camillo Benso conte di Cavour, con il suo ambizioso e ampio 
programma politico nazionalista ed eurocentrista (potenzialmente in antitesi con quello 
della provinciale monarchia sabauda di Vittorio Emanuele II di cui tuttavia egli era al 
momento sostenitore e portavoce) sintetizzato nel motto “Libera Chiesa in Libero Stato” 
che la nostra Nazione è poi arrivata a realizzare, seppur in modo parziale e controverso, 
anche attraverso gli articoli 7, 8, 19 e 20 della vigente Costituzione del 1948 (articoli a loro 
volta mutuati dagli Accordi Lateranensi del 1929). Per cui, alla fin fine, si può anche 
concludere dicendo che tutti e tre i principali protagonisti hanno avuto ragione – Cavour, 
Mazzini e Pio IX – ma anche che tutti e tre... hanno avuto torto! 
Il rischio era, ovviamente, quello di una tesi troppo vasta, generica e difficile da gestire, anche per 
l'ulteriore rischio della superficialità. Ho cercato di conseguenza di evitare la tentazione di provare 
a dire tutto e di tutto, impresa da far tremare i polsi anche perché sull'argomento si sono già 
misurati in tanti, e sicuramente molto più e meglio “equipaggiati” di me. 
Ho preferito piuttosto seguire delle interrelazioni, dei confronti, perfino delle suggestioni 
(naturalmente basate sulla più rigorosa documentazione storica, almeno nei limiti delle mie 
possibilità, suffragata dagli esiti dei più accreditati storici e studiosi), lasciando dipanare quel filo 
della storia che l'Ottocento ha reso così vivace e coinvolgente anche sul nostro piccolo e tutto 
sommato indifferente territorio, dove ancora oggi Stato e Chiesa – nel loro rapporto fondamentale 
basato su fede e laicità (o forse sarebbe meglio dire “ragione”) – stanno ad affrontarsi in 
equilibrio perfetto, seppur oscillante a seconda delle contingenze e delle convenienze. 
In ogni caso ne è scaturito un lavoro che non poteva non essere, e che in fondo è proprio quello che 
voleva essere, un grande affresco storico: quello del Risorgimento italiano, che ho percorso in 
lungo e in largo (sempre nell'ambito delle mie capacità e possibilità) cercando fra tutte le sue fasi e 
fra tutti i suoi più significativi episodi (con l'unica avvertenza contenitiva di non indugiare 
eccessivamente sulla dipendenza di essi dalle scelte politiche internazionali) il collegamento dato 
dal rapporto “fede e laicità”, che non è e non è mai stato soltanto un rapporto di poteri ma anche 
di “Weltanschauung” e all'interno del quale Mazzini e Pio IX hanno rappresentato qualcosa di 
significato e di valore assoluti, tutt'oggi a mio parere ancora paradigmatico, che si è agitato pure 
in relazione a ulteriori contesti altrettanto determinanti; mi riferisco in particolare all'avvento della 
“nuova” Massoneria, con l'esempio illuminante dell'Anticoncilio di Giuseppe Ricciardi (che era 
anche mazziniano) nei confronti del Concilio Ecumenico Vaticano I indetto da Pio IX, e il rapporto 
con il mondo ebraico, come rappresentato anche simbolicamente dal “caso Edgardo Mortara” che 
ebbe come protagonista ancora una volta Pio IX. 
13 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Giuseppe Mazzini, Pio IX e il Concilio Ecumenico Vaticano I: fede e laicità nell'Italia risorgimentale

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Nunzia Manicardi
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Vincenzo Pacillo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 457

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

concilio ecumencio vaticano i
giuseppe mazzini
papa pio ix
roma capitale
unità d'italia

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi