Skip to content

Il budget nella ristorazione dei villaggi turistici

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Il budget nella ristorazione dei villaggi turistici, Pagina 6
11 
Il successo dei primi villaggi turistici fu tale da fare inaugurare, dopo solo 5 anni, nel 
1955, il primo club fuori dal Mediterraneo a Tahiti. Tale paradiso terrestre divenne 
accessibile anche agli europei, ma ad una sola condizione: avere a disposizione quattro 
mesi di vacanza. Un mese per il viaggio in nave, due mesi da trascorrere nel villaggio e 
un altro mese per il viaggio di ritorno. Il tutto finanziabile in 18 rate senza costi 
aggiuntivi. 
Anche se il viaggio si presentava faticoso, era considerato come una parte fondamentale 
dell’esperienza della vacanza, una meta era tanto più esclusiva quanto maggiore era il 
sacrificio per conquistarla. Soggiornare in un villaggio significava sostare in un’oasi, in 
un avamposto del mondo occidentale in terre esotiche e inesplorate. (Garibaldi R., 
2008) 
Nel 1956 fu inaugurato sempre da Club Med il primo villaggio in montagna a Leysin, in 
Svizzera, con l’offerta di sci e altri sport invernali. Originariamente frequentato da 
single e giovani coppie, il Club divenne in seguito una meta di vacanza per le famiglie, 
con il primo mini club inaugurato nel 1967, ora anche i bambini avevano i loro spazi 
ideali. Insomma una vacanza perfetta. 
In Italia i primi operatori turistici nascono fra gli anni ’30 (I Grandi Viaggi) e gli anni 
’50 (Alpitour e Francorosso) del 1900, inizialmente tali operatori erano semplici agenzie 
che organizzavano viaggi su breve raggio con mezzi come automobili, treni e navi. E’ 
proprio in questi anni che si sviluppano le prime crociere nel Mediterraneo e anche 
verso terre orientali come l’India, all’epoca sotto il dominio Inglese e molto in voga fra 
gli intellettuali europei. 
La seconda guerra mondiale pone un arresto alle attività turistiche, che riprenderanno 
alla fine del 1947. In quest’anno viene fondata a Cuneo l’agenzia Alpi che in seguito 
diverrà Alpitour, che ad oggi è il primo tour operator per dimensioni e fatturato in 
Italia.  
Negli anni ’30, inoltre, si sviluppò se pur in forma limitata il turismo balneare nella 
costiera ligure, nella costiera amalfitana e in alcune zone come Taormina, Lido di 
Venezia e di Rimini. Questo fenomeno sarà significativo per l’inaugurazione dei primi 
villaggi turistici in Italia negli anni ’60. Anni in cui si verificherà un importante 
evoluzione degli operatori grazie al boom economico e allo sviluppo del turismo di 
massa. In questo periodo di forte espansione dell’idea di vacanza, si sviluppa la formula 
“tutto incluso”, già ideata dal Club Med per i suo villaggi ed applicata da alcune agenzie 
italiane a i propri viaggi organizzati.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Il budget nella ristorazione dei villaggi turistici

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Fabio Ferrantino
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze e Cultura della Gastronomia e della Ristorazione
  Relatore: Andrea Menini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

qualità
albergo
performance
budget
controllo di gestione
tour operator
centri di costo
target
prezzo
programmazione
ristorazione
consuntivo
villaggi turistici
scostamenti
presenze
resort
indicatori di qualità
centri di profitto
centri di ricavo
all inclusive
food and beverage manager
areee di responsabilità
food cost
tutto compreso

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi