Skip to content

Iraq: storia di un dramma dalla Seconda Guerra del Golfo al caso Abu Ghraib

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Iraq: storia di un dramma dalla Seconda Guerra del Golfo al caso Abu Ghraib, Pagina 10
22 
 
partiti islamici egemonizzarono le dimostrazioni contro l’invasione dell’Iraq; lo stesso 
avvenne in Kenya e in Nigeria, dove le ambasciate americane furono evacuate. A 
Giakarta, in Indonesia, manifestarono contro la guerra più di 200.000 persone senza 
distinzione d’appartenenza politica; la Presidente Megawati
31
 chiese una riunione 
straordinaria del Consiglio di sicurezza dell’ONU per condannare l’aggressione all’Iraq, 
richiesta che ovviamente non trovò seguito alcuno, nemmeno nelle capitali europee che 
più si opposero alla guerra. Anzi, il Presidente della Francia, Jacques Chirac
32
, assicurò 
da subito il passaggio dei bombardieri americani nello spazio aereo francese 
augurando, inoltre, un “rapido successo” alle forze della coalizione, seguito 
immediatamente dal Ministro degli Esteri tedesco Fischer
33
 e dal Presidente russo 
Putin
34
, che formularono analoghi auspici. Intanto, il 22 marzo, Baghdad, pesantemente 
bombardata, era ormai senza luce e moltissime abitazioni furono distrutte, mentre il 
Presidente Bush affermava: “Niente mezze misure”, avvertendo che la guerra “potrebbe 
essere più lunga e difficile del previsto”. Il giorno dopo, “Al Jazeera” mostrò le immagini 
di cinque americani fatti prigionieri dagli iracheni a Nassiriya, ragion per cui il ministro 
americano della Difesa Donald Rumsfeld
35
 si appellò, indignato, alla Convenzione di 
Ginevra che proibiva di mostrare prigionieri umiliati
36
. A Baghdad i missili continuano ad 
abbattere abitazioni civili e mercati provocando una strage, intanto in una fattoria alla 
periferia della città, morirono undici bambini. Il 31 marzo, dieci missili caddero sull’ hotel 
“Palestine”, che ospitava giornalisti di vari paesi mentre, molti iracheni, immigrati in 
Giordania, tentarono di tornare in patria per combattere e numerosi ayatollah, in esilio, 
denunciarono la guerra come ingiusta e immorale dichiarando sacrilega la 
collaborazione con gli USA anche se si trattava di combattere Saddam Hussein. 
Secondo il "Washington Post", le truppe americane avevano arrestato molti civili 
iracheni che, accusati di terrorismo, furono portati a Guantanamo. Il primo aprile, un 
missile cadde su Hilla ( in arabo: ﺓﻝ ﺡﻝ ﺍ ), l’antica Babilonia, provocando 33 morti; le truppe 
                                                           
31
 Diah Permata Megawati Setiawati Sukarnoputri, quinto Presidente dell’Indonesia dal 23 luglio 2001 al 20 
ottobre 2004. 
32
 Eletto Presidente della Repubblica Francese nel 1995 e nel 2000 con un mandato terminato il 16 maggio 2007. 
33
 Joseph Martin Fischer, detto Joschka, è stato Ministro degli Affari Esteri della Germania e Vice-Cancelliere nel 
Governo di Gerhard Schröder dal 1998 al 2005. 
34
 Vladimir Vladimirovič Putin è stato Primo Ministro della Russia dall'8 agosto 1999 al 7 maggio 2000, su nomina 
di Boris El'cin. Svolse le funzioni di Capo dello Stato dopo le dimissioni di El'cin, dal 31 dicembre1999, e poi fu 
eletto Presidente della Federazione Russa dal 2000, riconfermato in carica nelle elezioni del 14 marzo 2004. 
Impossibilitato ad un terzo mandato per il dettame della Costituzione Russa, ha favorito la vittoria del 
suo delfino Dmitrij Medvedev, che l'ha nominato nuovamente Primo Ministro il giorno stesso del suo 
insediamento, il 7 maggio 2008. 
35
 Donald Henry Rumsfeld, Segretario della Difesa degli Stati Uniti sotto l'amministrazione del Presidente Gerald 
Ford dal 1975 al 1977 e successivamente sotto il presidente George W. Bush, dal 2001 all'8 novembre del 2006. 
36
 Su questo torneremo nel terzo capitolo.

Preview dalla tesi:

Iraq: storia di un dramma dalla Seconda Guerra del Golfo al caso Abu Ghraib

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Bottazzi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Lingue e Letterature Straniere
  Corso: Plurilinguismo e multiculturalità
  Relatore: Andreina De Clementi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 148

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi