Skip to content

L'industria della birra

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: L'industria della birra, Pagina 3
 3
 
 
 
CAPITOLO  I 
Origine, Storia e Cultura della birra 
 
1.1 Origine e Storia della Birra. 
 
La birra è una bevanda prodotta  per fermentazione di cereali miscelati con acqua. Le scoperte 
del quindicesimo secolo hanno messo in luce che tutti i popoli hanno sfruttato largamente il 
fenomeno della fermentazione dei cereali per produrre bevande, ristoratrici per il loro moderato 
contenuto di carboidrati e di alcol, salutari per il loro apporto di vitamine e di minerali. La storia 
della birra va di pari passo con quella del pane, tanto che viene definita “pane liquido”. Per millenni 
la fabbricazione della birra ha fatto parte dell’attività casalinga, si produceva nel contempo pane e 
birra, in assenza di recipienti  metallici idonei a riscaldare direttamente sul fuoco l’impasto di 
cereali crudi e il mosto, si confezionavano appositi pani che, sminuzzati, servivano da materia base 
per preparare la bevanda. Più tardi,  per migliorare il prodotto,  fu introdotto l’uso di far germinare 
il cereale trasformandolo in malto; tecnica che troviamo descritta nei geroglifici delle piramidi in 
Egitto, dove la produzione della birra aveva assunto dimensioni industriali [1].  
 
Bevanda propiziatoria che da sempre ha sedotto l’uomo: le civiltà più antiche hanno conosciuto 
la birra e l’hanno considerata segno di abbondanza e di fertilità. Più facile e rapida da produrre del 
vino, la birra può essere ottenuta abbastanza semplicemente: bastano quattro ingredienti: malto, 
luppolo, lievito e acqua, e un naturale processo di fermentazione. Ma è proprio dalla scelta di ogni 
singolo ingrediente e da ogni fase del processo di lavorazione che dipende la qualità di una birra e il 
suo gusto. In Europa, già verso l’anno Mille vennero codificate le regole di tutela della bevanda e 
duecento anni dopo nacque la prima corporazione dei birrai. Nel 1516, Guglielmo IV Duca di 
Baviera, emana il famoso Reinhetsgebot che ne garantiva gusto e purezza: nasce così la birra 
moderna [2]. 
 
Mito e storia si confondono nel racconto di come e dove la birra è nata. Per i tedeschi, inventore 
della bionda bevanda è un re di leggenda, Gambrinus, ma su una tomba reale dell’antico Egitto 
appare l’iscrizione “Io ero uno che produceva orzo”, il che porta a pensare che dal cereale di quel 
faraone si ricavasse birra. Questa bevanda era aprezzatissima dagli egizi, come pure dai loro 
contemporanei babilonesi, assiri, fenici e cananei. La Bibbia narra di come Noè si fosse ubriacato 
col succo dell’uva; nello stesso libro è ricordata la birra che gli ebrei, in fuga dell’Egitto, si 
portarono appresso [3].  
 
La birra è una bevanda molto antica. Se ne trova la prima traccia in Mesopotamia presso i 
Sumeri 7.000 anni prima di Cristo e presso i faraoni del delta del Nilo nell’antico Egitto. I Greci 
conobbero la ricetta della birra dai primi navigatori. Trasmessa di seguito ai Romani, questi la 
fecero conoscere ai Galli che la chiamarono cervogia. La birra si diffuse presto nelle Fiandre e in 
Normandia. Nel Medioevo la tradizione brassicola si consolida in tutta Europa, ciascun birraio 
utilizza la propria tecnica e regole segrete,  che trasmette di generazione in generazione [4]. Nel 
Medioevo la birra fu prodotta nei monasteri ad uso dei monaci e delle migliaia di pellegrini che essi 
ospitavano. Il famoso monastero di San Gallo aveva tre diverse fabbriche di birra: una per la più 
leggera, destinata ai pellegrini; una per quella a media gradazione, chiara e scura, che consumavano 
i monaci e i famigli del monastero; infine una per le birre di lusso, da offrire agli ospiti di riguardo. 
Intorno al 1.100 dei monaci iniziarono a aggiungere del luppolo alla birra: con questo gusto nuovo e 
aroma particolare è nata la birra moderna [6]. Qualche secolo più tardi, la produzione industriale del 
freddo permette di produrre le birra durante tutto l’anno e non solo da fine settembre ad aprile [4]. 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

L'industria della birra

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giannina Arangino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Spanedda Enrico
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 88

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

birra
birrificio
heineken
luppolo
malto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi