Skip to content

La pornografia minorile e le nuove frontiere del diritto penale d'autore

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La pornografia minorile e le nuove frontiere del diritto penale d'autore, Pagina 11
108 
 
come rudimentali prodotti artificiali, come possono essere dei fumetti o dei cartoni 
animati non realistici
302
. 
Si può, dunque, sostenere che riguardo al ruolo delle tecniche di elaborazione grafica 
vengono in rilievo due ordini di problemi: l’uno di tipo quantitativo, l’altro, invece, 
qualitativo
303
. 
Il primo problema si concreta nel “grado” - inteso come percentuale non 
numericamente misurabile - di “virtualità” che un’immagine deve avere per essere 
considerata penalmente rilevante. Ritorna, dunque, la questione sulla differenza tra 
pornografia «parzialmente» o «totalmente» virtuale; il problema di tipo qualitativo, 
invece, implica un ragionamento sul livello di elaborazione grafica richiesto, dovendo 
concludersi, come sostenuto poc’anzi, per l’esclusione dal perimetro applicativo 
dell’art. 600-quater.1 delle rappresentazioni c.d. «grossolane». 
Si tratta di considerazioni di grande rilevanza, innanzitutto, pratica, dal momento che 
la conoscenza esatta del momento in cui una condotta lecita sfocia nell’illecito – e, in 
questo caso, il più grave – permette al cittadino di capire entro quale limite possa 
muoversi: laddove i contorni di una norma siano sfocati e confusi, si incorre nel 
pericolo che la percezione del superamento del limite sia rimessa a mere valutazioni 
di intuito, di sensibilità, dei singoli fruitori, determinandosi un grado ancora maggiore 
di incertezza
304
. 
                                                        
302
 L. PISTORELLI, Art. 600 quater.1, in (diretto da) E. DOLCINI, G. L. GATTA, Codice penale 
commentato, Tomo II, Milano, Ipsoa, 2015, p. 257; B. SCARCELLA, La pornografia virtuale e la lotta al 
“nemico” in rete, in A. CADOPPI, S. CANESTRARI, A. MANNA, M. PAPA, Cybercrime, cit., p. 554; 
relativamente alla dibattuta figura del materiale virtuale sì pornografico ma che abbia anche una 
rilevanza artistica, si veda M. BIANCHI, Pornografia virtuale e la recente normativa europea (art. 600-
quater.1 c.p.), in (diretto da) A. CADOPPI, S. CANESTRARI, A. MANNA, M. PAPA, Trattato di Diritto 
penale, Parte generale e parte speciale, cit., pp. 784-786; ; M. BIANCHI, sub art. 600-quater.1 c.p., in 
A. CADOPPI, Commentario delle norme contro la violenza sessuale e contro la pedofilia, cit., p. 292 e 
ss., in cui ci si riferisce alla nota sentenza Ashcroft v. Free Speech Coalition pronunciata dalla Corte 
Suprema degli Stati Uniti, nella quale si cita l’esclusione della rilevanza penale laddove esso risulti non 
osceno, secondo i canoni enucleati nell’altro leading case, Miller v. California, attraverso il richiamo al 
più recente caso New York v. Ferber; da ultimo, sul punto, in G. COCCO, Può costituire reato la 
detenzione di pornografia minorile?, cit., si ribadisce con fermezza che «non possono essere penalmente 
sanzionati i materiali che costituiscono espressione della libertà di pensiero (ancorché vizioso) se non 
nella misura in cui sia necessario per la protezione dei bambini e con modalità che garantiscano i diritti 
inviolabili del cittadino». 
303
 F. MAZZACUVA, I delitti contro lo sviluppo psico-fisico dei minori, in (a cura di) A. CADOPPI, P. 
VENEZIANI Elementi di diritto penale. Parte speciale, vol. II, t. II, I reati contro la persona, Padova, 
CEDAM, 2014, p. 189. 
304
 Sul punto, v. M. TRAPANI, Creazione giudiziale della norma penale e suo controllo politico. 
Riflessioni su Cesare Beccaria e l'interpretazione della legge penale 250 anni dopo, in Arch. pen. Web, 
2017, p. 29 ss., (disponibile su www.archiviopenale.it).

Preview dalla tesi:

La pornografia minorile e le nuove frontiere del diritto penale d'autore

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Edoardo Spertingati
  Tipo: Laurea magistrale a ciclo unico
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Antonella Massaro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 173

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi