Skip to content

La responsabilità internazionale degli stati per atti di genocidio

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La responsabilità internazionale degli stati per atti di genocidio, Pagina 8
13 
 
before or during the war, or persecutions on political, racial or religious grounds in 
furtherance of or in connection with any crime within the jurisdiction of the 
International Tribunal, whether or not in violation of the domestic law of the country 
where perpetrated”
18
, 
l‟accusa addebitava agli imputati atti di deliberato e sistematico genocidio, ossia, 
gli atti di sterminio di gruppi razziali e nazionali diretti contro le popolazioni civili 
di alcuni territori occupati, al fine di distruggere determinate razze, classi sociali, 
gruppi nazionali e religiosi, e in particolare volta all‟annientamento degli ebrei, dei 
polacchi e degli zingari. La Commissione delle Nazioni Unite sui Crimini di Guerra 
ha, in seguito, osservato che l‟accusa ha così cercato di introdurre e di stabilire un 
nuovo tipo di crimine internazionale
19
. 
Sebbene nella sentenza finale del processo per i grandi criminali di guerra, 
emessa fra il 30 settembre e il 1° ottobre 1946, il termine genocidio non venisse 
mai citato, è stato dettagliatamente descritto quello che in realtà tale crimine 
rappresentava, tanto che Lemkin, successivamente, ribadì questo concetto oltre a 
criticare la scelta del Tribunale di aver adottato un‟interpretazione restrittiva del suo 
Statuto. Egli scrisse: 
“The evidence produced at the Nuremberg trial gave full support to the concept of 
genocide. However, the International Military Tribunal gave a narrow interpretation 
to its Charter and decided that acts committed before the outbreak of the war were 
not punishable offenses”
20
. 
Tuttavia, più di cinquant‟anni dopo, il Tribunale Penale Internazionale per il 
Ruanda, nella sentenza Kambanda
21
, ha osservato che i crimini perseguiti dal 
Tribunale di Norimberga avrebbero potuto costituire il crimine di genocidio, ma 
non potevano essere definiti come tali poiché il suddetto crimine fu definito solo in 
seguito: 
                                                      
18
 http://avalon.law.yale.edu/imt/imtconst.asp#art6 
19
 United Nations War Crimes Commission, History of the United Nations War Crimes Commission and the 
Development of the Laws of War, London, 1948, p. 197. 
20
 R. LEMKIN, "Genocide as a Crime under International Law", in American Journal of International 
Law (1947), Volume 41(I), p. 145-151. 
21
 Consultabile all‟indirizzo: http://www.unictr.org/tabid/128/Default.aspx?id=24&mnid=4

Preview dalla tesi:

La responsabilità internazionale degli stati per atti di genocidio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Piero Cusimano
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Marco Pedrazzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 101

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

nazioni unite
corte internazionale di giustizia
bosnia
ex-jugoslavia
tribunale internazionale
genocidio
ruanda
lemkin
risoluzione 96
risoluzione 260
tribunali speciali
elemento soggettivo
aja
srebrenica
elemento oggettivo
belgrado
mladic
tribunale militare internazionale
il caso bosnia-erzegovina c. repubblica federale j
axis rule in occupied europe
convenzione per la prevenzione e la repressione de
ejusdem generis
26 febbraio 2007
vrs

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi