Skip to content

La santeria. Credenze e pratiche rituali di una religione afrocubana

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: La santeria. Credenze e pratiche rituali di una religione afrocubana, Pagina 12
 15
Dal 1790 al 1875, Cuba vede l’auge della sua economia agricola e le 
statistiche ufficiali dichiarano che entrarono nell’isola 436844 bozales
13
, 
numero che chiaramente non considera gli schiavi importati clandestinamente.  
Dall’anno 1820, data che segna la completa decadenza degli yoruba, sino al 
1865, data che a sua volta indica la rovina del contrabbando dei neri, si 
registrano nell’isola 28948 bozales. Il 30 maggio del 1820, la Spagna si 
impegnò con l’Inghilterra a sopprimere il traffico negriero in tutti i suoi domini 
e simultaneamente proibì ai suoi sudditi il traffico degli schiavi in tutte le zone a 
nord dell’Equatore. È chiaro quindi che gli schiavi entrati a Cuba 
posteriormente alla firma del trattato tra le due nazioni, avrebbero dovuto essere 
di provenienza bantu, e quindi congo, mozambicani, ecc. se il trattato fosse stato 
rispettato. In realtà, la tratta clandestina continuò per almeno quarant’anni dalla 
firma del trattato.  
Nel basso Niger si sgretolava un grande e potente impero – quello yoruba - 
che per molto tempo aveva imposto le sue condizioni ai popoli vicini e che 
ottenne molti vantaggi con l’inizio della tratta. Il Dahomey, uno stato di scarso 
potere, che era stato sotto la tutela di Oyó e sottomesso al potere degli alafin e 
dei sovrani yoruba per più di un secolo, fu il fulcro di questi intrighi. I 
dahomeiani, da una posizione geografica vantaggiosa, fecero di tutto per 
avvicinarsi alla costa occidentale e trafficare con gli europei, così come i loro 
vicini di Wida e Ardra; ma per fare questo era necessario sottomettere entrambi 
i popoli. Così, nel 1724 organizzano l’esercito ed occupano Gran Ardra e due 
anni più tardi Wida. A questo punto gli yoruba si schierano con il popolo di 
Wida e dichiarano guerra ai dahomeiani e li sottomettono alle loro condizioni. 
Dietro tutti questi movimenti bellici c’era la mano dell’Inghilterra e della 
Francia, due poteri rivali nella tratta degli schiavi. L’interesse che avevano gli 
yoruba per la crescita politica ed economica dei dahomeiani non era basato sul 
“gusto che hanno i popoli selvaggi per la guerra e la distruzione”, ma era 
semplicemente una lotta per l’acquisizione di quote di mercato. La vantaggiosa 
posizione geografica del Dahomey li metteva in condizione di avere, attraverso 
Wida e Ardra, interscambi con gli europei del litorale. Gli yoruba, in quanto più 
potenti, tentarono di contenere la sfera di influenza commerciale dei loro rivali, 
circostanza questa che portò all’incremento della tratta e che a volte fu una della 
cause della presenza del gran numero di dahomeiani che inondarono i mercati 
del Nuovo Mondo.  
Più tardi l’impero yoruba iniziò a declinare e i dahomeiani per vendetta si 
accanirono contro i loro antichi rivali, il chè portò la presenza degli yoruba tra le 
fila degli schiavi. A partire dal 1702 l’unità politica yoruba venne meno, a causa 
di problemi interni e soprattutto per l’ingresso nello scenario storico delle tribù 
Hausa e Fulani: la prima costituita da una nazione stabile come quella Nupe, e 
l’altra da gente nomade dispersa nell’alta valle del Niger. In questo modo non 
solo si disintegrò il potente impero yoruba ma anche la ricchezza della sua 
economia e i negrieri della costa approfittarono delle guerre e le trasformarono 
in retate di schiavi. Il collasso del regno yoruba corrispose alla crescita della 
produzione a Cuba. È ovvio che non tutti gli schiavi entrati a Cuba in questo 
periodo furono yoruba, ma provenivano sia dai mercati stabiliti nella zona 
proibita, compresa la regione del delta del Niger e la zona al nord della Sierra 
                                                 
13
 Vedi Appendice n. 1 
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

La santeria. Credenze e pratiche rituali di una religione afrocubana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sabrina Lunesu
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Milano - Bicocca
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Relatore: Roberto Malighetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 162

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

credenze religiose
cuba
religione
religioni afrocubane
santeria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi