Skip to content

Mito, Anima, Immaginazione, Cosmologia: un Itinerario in James Hillman

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Mito, Anima, Immaginazione, Cosmologia: un Itinerario in James Hillman, Pagina 7
8 
cui una molteplicità di persone ('figure') lottano continuamente per il proprio riconoscimento e per 
la conduzione dell'azione, tentando di impedire il predominio di una parte sulle altre; e della 'salute' 
come di un equilibrio dialettico (e mai 'facile' e 'piano', o ottenibile una volta per tutte) delle 
esigenze delle stesse. 
 
 
1.1.2 Lo sguardo 'differente' 
 
Nel nostro lavoro 'intorno' alle problematiche hillmaniane utilizzeremo, senza insistervi troppo ma 
mantenendoli come sfondo silenzioso e comunque significativo, alcuni esiti della più recente 
riflessione europea, in particolare francese. 
Pur nel suo evidente e mai sconfessato debito junghiano (peraltro assolto mediante una personale e 
consapevole rielaborazione critica), Hillman è un pensatore assolutamente eclettico ed al tempo 
stesso originale ed autonomo; proprio per questo, a nostro avviso, quelli che potrebbero essere 
stigmatizzati come i punti di forza del suo lavoro potrebbero costituire i suoi stessi punti 'deboli'. 
Questo nel senso che Hillman ha affrontato nella sua opera un gran numero di problemi molto 
importanti facendosi guidare dal suo stile personale fatto di brillanti intuizioni, di ironia ed 
umorismo, di pungenti polemiche e di una deliberata antisistemicità ed antisistematicità; questo 
stile, strettamente dipendente dai contenuti dello stesso, conferisce ai suoi lavori una scorrevole 
levità anche nel trattare questioni cruciali. Proprio in virtù di questo aspetto dello stile hillmaniano 
ci sentiamo portati ad affiancare al commento del detto del nostro Autore quello di altri, nell'intento 
di evidenziare, approfondire e far riverberare, dello stesso, punti critici, aspetti impliciti ed aperture 
possibili non chiaramente evidenti ad una prima lettura. 
Prenderemo allora uno spunto da Derrida, in particolare da un suo breve e significativo saggio-
conferenza su Foucault (ma più in generale sulla psicanalisi ed i suoi rapporti con la filosofia). 
In questo lavoro
1
 Derrida, parlando della Storia della sessualità di Foucault, riprende di questi l'idea 
di "storia della verità" come storia delle "problematizzazioni attraverso le quali l'essere si dà come 
ciò che può e deve essere pensato….”; e ricordando le "pratiche a partire dalle quali queste 
problematizzazioni si formano"
2
, sottolinea la necessità che si ponga però anche la 
problematizzazione della propria problematizzazione. 
A questo proposito sempre Derrida, nella postfazione alla conferenza La différance, alla domanda 
se la sua filosofia fosse uno scetticismo, rispondeva: “Non è certo uno scetticismo […] resta il fatto 
che i momenti dello scetticismo e dell’empirismo sono sempre stati momenti di attenzione alla 
differenza" e ricordava Hume come autore di una sorta di filosofia della differenza, anche se "si 
possono considerare i momenti empiristici o scettici della filosofia come momenti in cui il pensiero 
incontra il limite filosofico e si ripropone ancora come filosofia”
3
. Derrida si dice quindi (ci si passi 
il termine) scettico di fronte alla possibilità di una filosofia scettica, in quanto essa sarebbe ancora 
una filosofia, interna al dire della tradizione metafisica che “si concludeva, o come si dice, si 
compiva”
4
 con Hegel facendo 'coagulare' in se stessa il concetto di différance, il cui pensiero 
sarebbe invece una filosofia-non-filosofia situata in un “frammezzo scomodo”
5
; e ancora, Derrida, 
                                                 
1
 J Derrida, Essere giusti con Freud, MI, Cortina, 1994. 
2
 M. Foucault, L'uso dei piaceri, MI, Feltrinelli, pp. 16-18, passim. 
3
 J. Derrida, "Prologo" a "La Diffèrance", in C. Di Martino, L'evento, la traccia e l'esperienza, MI, Cuem, 
1992, p. 147, passim. 
4
 Ivi, p. 150 
5
 Ivi, p. 148

Preview dalla tesi:

Mito, Anima, Immaginazione, Cosmologia: un Itinerario in James Hillman

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Sante Vincenti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Paolo d’Alessandro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 238

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi