Skip to content

Naturalizzazioni e forme di biopolitica. Evoluzionismi, natura umana e suoi processi di politicizzazione.

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Naturalizzazioni e forme di biopolitica. Evoluzionismi, natura umana e suoi processi di politicizzazione., Pagina 3
 9 
Le differenze reali stanno infatti nel trattamento diverso di uno stesso nucleo di questioni di base 
concernenti il modo di operare della selezione naturale, e comportano spiegazioni diverse in merito 
e metodo e teoria evoluzionista. 
Gli ultradarwinisti sono i legittimi eredi di quel paradigma conoscitivo che prende forma nella prima 
metà del secolo scorso muovendo dall’allora nascente genetica delle popolazioni, e che si delinea 
come egemone a partire  dalla metà degli anni cinquanta: la Sintesi Moderna1.  
Il programma ultradarwinista, in concordanza con la tradizione della Sintesi, si attesta 
sostanzialmente su tre nuclei fondamentali: il gradualismo, la selezione e l’adattamento, che 
vengono intesi come nuclei su cui lavorare sia a livello di ricerca sul campo che a livello teorico. 
Naturalmente, a nessun naturalista verrebbe in mente di mettere in discussione la selezione naturale 
come processo fondamentale e basilare del cambiamento evolutivo, e il pomo della discordia 
dell’intera querelle non è ovviamente l’esistenza della selezione naturale, ma l’effettivo modo di 
operare della selezione naturale nella realtà.  
Da parte naturalista si privilegia un’ottica più olista, che favorisce uno sguardo d’insieme e tenta di 
comprendere la complessità evitando di eluderne alcuni aspetti fondamentali, mentre dall’altra si 
mette in risalto come unico vero motore del processo evolutivo quella che è la competizione tra 
linee geniche per il successo riproduttivo, senza eccezioni a questa dinamica, con il rischio di vedere 
così ogni competizione, anche quella per il cibo o per le risorse, come nient’altro che un 
epifenomeno di quella che è la vera gara suprema: quella per il successo riproduttivo. Secondo la 
genetica ultradarwinista infatti non sarebbero gli organismi ad entrare in competizione tra loro, 
quanto le varie linee genetiche di discendenza che cercano di massimizzare la loro diffusione a 
                                                 
1
 Tra gli anni venti e gli anni trenta si formano le linee guida della futura genetica delle popolazioni, e i primi importanti 
progressi di questo settore disciplinare  permettono alla biologia di raggiungere importanti conoscenze empiriche 
seguendo delle vie sperimentali, una modalità conoscitiva finora ad esclusivo appannaggio dell’esperimento da 
laboratorio proprio delle scienze “senza tempo”, come ad esempio la fisica. Le ricerche condotte in quegli anni in 
genetica hanno poi il ruolo fondamentale di rimuovere la barriera tra la il mendelismo e l’evoluzionismo darwiniano, 
permettendo di definire le mutazioni come comparsa graduale e ininterrotta di nuovi alleli all’interno di una 
popolazione, su cui agisce la selezione naturale con la dinamica evolutiva ipotizzata da Darwin. L’analisi 
computazionale delle frequenze geniche poi ha contribuito a ridurre il vasto processo evolutivo esclusivamente ad un 
cambiamento delle frequenze geniche delle popolazioni, cosicché gradualismo evolutivo e selezione naturale intesi 
come una vera e propria “forza attiva” guadagnano un posto centrale proprio grazie alla spiegazione genetica.  
Il successivo consolidarsi di questo paradigma e l’eliminazione di ogni forma di evoluzione non strettamente 
selezionista e gradualista intorno agli anni cinquanta – sessanta coincide con il formarsi del nocciolo duro della Sintesi 
Moderna (Dawkins, 1986; Maynard-Smith, 1976; Dennet, 1997), che seppur cercando di essere il paradigma unificante 
dell’intera biologia (il nome stesso “Sintesi” vorrebbe dare quest’impressione), non riuscirà mai fino in fondo in questa 
impresa, anche perché la stessa Sintesi tenta in qualche modo di espellere dalla legittimità darwiniana ogni 
evoluzionismo non strettamente selezionista e gradualista. L’idea forte della Sintesi è infatti proprio che tutti 
cambiamenti osservabili a livello macroscopico siano interamente riconducibili a piccole innovazioni accumulatesi nel 
corredo genico, da cui potremmo sintetizzare il manifesto della Sintesi nello slogan «la macroevoluzione è totalmente 
riconducibile alla microevoluzione» (Pievani, 2005, pag. 14). 
Così la contesa tra una chiave naturalista che pone al centro della riflessione l’elemento della contingenza storica e una 
che pone al centro esclusivamente un selezionismo genetico e graduale ha caratterizzato e caratterizza tutt’ora lo stato 
dell’arte della biologia evoluzionista. 

Preview dalla tesi:

Naturalizzazioni e forme di biopolitica. Evoluzionismi, natura umana e suoi processi di politicizzazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Marco Vulcano
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia teoretica, morale, politica ed estetica
  Relatore: Elena Gagliasso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 128

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

adattazionismo
althusser
animale ambientale
animale mondano
biopolitica
biopotere
canguilhem
consigliere
coscienza superiore
darwinismo
darwinismo neurale
dispositivi biopolitici
edelman
eldredge
equilibri punteggiati
evoluzionismi
foucault
gould
ideologia scientifica
neodarwinismo
neotenia
pievani
pluralismo darwiniano
politicizzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi