Skip to content

Presenza e attività degli italiani a Canton dalla prima guerra dell'Oppio al trattato di commercio e navigazione del 1866

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Presenza e attività degli italiani a Canton dalla prima guerra dell'Oppio al trattato di commercio e navigazione del 1866, Pagina 3
2 
hanno aiutato a formare la conoscenza della Cina in Occidente, in un periodo in cui questo 
enorme e complesso Paese stava appena iniziando a dischiudere le proprie porte al 
mondo. 
 
I primi resoconti relativi al capoluogo del Guangdong sono Portoghesi,  primi fra gli 
europei a raggiungere la città nel 1517. Seguirono altri esploratori come il commissario 
Peter Mundy, che giunse nel 1637 a bordo della prima nave inglese che tentò di avviare 
trattative commerciali con la Cina. Poco dopo arrivò la prima ambasciata della Compagnia 
delle Indie Orientali Olandese, accompagnata da Jan Nieuhof, cronista ufficiale e 
disegnatore della missione. Il libro pubblicato da Nieuhof nel 1669 conteneva i disegni 
delle più antiche vedute di Canton e della Cina conosciute in Occidente. Oltre un secolo 
dopo, Lord Macartney condusse un’ambasciata per conto del sovrano inglese Giorgio III, 
verso l’Imperatore Qianlong, con la speranza di convincerlo ad aprire al commercio un 
maggior numero di porti. Tale viaggio, incluse le tappe a Canton e Macao, fu 
rigorosamente documentato in diari e disegni, per quanto riduttivi e basati su osservazioni 
approssimative su un Paese così poco conosciuto. 
Dal 1830 in poi si possono trovare dei documenti più particolareggiati ed accurati circa le 
abitudini di vita a Canton soprattutto ad opera dei missionari Protestanti, che si 
stabilirono numerosi in città. I loro articoli e reportage  iniziarono a circolare all’interno 
della comunità straniera grazie soprattutto alle nuove pubblicazioni Occidentali. La prima 
opera in inglese sulla Cina fu del sovrintendente al commercio inglese in Cina, John 
Francis Davis, che risedette a Canton per oltre vent’anni. Davis comprendeva il cinese e i 
cinesi e attraverso la sua opera, The Chinese: a Description of China and its Inhabitants, 
pubblicato nel 1836, dischiuse il favoloso mondo della Cina all’Occidente. Questo filone 
letterario fu presto arricchito dalle pubblicazioni degli Americani Oswald Tiffany e 
William Hunter, ma un discreto apporto fu dato anche da alcuni dei soldati coinvolti nelle 
due Guerre dell’Oppio
5
 e da rappresentanti consolari che si fermarono in Cina, per quanto 
evidenti siano i prestiti provenienti dalle prime opere. Di un certo rilievo sono anche i 
resoconti del Reverendo John Gray e del dottor John Glasgow Kerr
6
, relativi proprio alla 
città di Canton, ad opera di due personalità che non solo si fermarono a lungo in città, ma 
                                                 
5
 Cfr: CAPITOLO 1. 
6
 Reverendo J. Gray, Walks in the city of Canton ; J.G. Kerr, The Canton Directory; per ulteriori approfondimenti cfr: 
CAPITOLO II par. 2.2.
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Presenza e attività degli italiani a Canton dalla prima guerra dell'Oppio al trattato di commercio e navigazione del 1866

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Falato
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Studi Orientali
  Corso: Lingue e letteratura afroasiatiche
  Relatore: Federico Masini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

gesuiti
presenza italiana
extraterritorialità
canton
giuseppe garibaldi
dinastia qing
guerre dell'oppio
conflitti di giurisdizione
east india company
trattato commercio e navigazione 1866

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi