Skip to content

Proprietà intellettuale e diritti umani

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Proprietà intellettuale e diritti umani, Pagina 14
18 
condannata l'appropriazione di paternità. Nell’Impero Romano non era 
riconosciuto alcun diritto patrimoniale agli autori di opere dell'ingegno, ma solo al 
librario o all'editore che aveva il possesso del manoscritto. 
Nell'antichità, non essendo possibile se non in maniera limitata, una produzione 
consistente di copie tratte dall'originale, non si poneva un reale problema di tutela 
economica. Con la caduta dell'Impero, la cultura trovò rifugio nei monasteri e in 
pochi centri abitati di una certa rilevanza. Solo con il sorgere delle Università si 
sviluppò una domanda di copie di testi letterari e di conseguenza, un mercato. 
Nacquero così le prime officine scrittorie.  
Solo nella tarda metà del XV secolo in seguito al diffondersi delle invenzioni 
tecniche, come quella della stampa, nacquero le prime forme di protezione.
25
 
Nella Serenissima Repubblica di Venezia, allora culla dei traffici con l'Oriente e 
cantiere di una delle flotte più potenti del Mediterraneo, il 9 marzo del 1474 venne 
registrata la prima legge sui brevetti
26
 o “privative”. Successivamente, in 
Inghilterra si diffuse il sistema delle letters patent, con le quali la Corona 
garantiva ad un soggetto il monopolio per la produzione di particolari beni o 
servizi in cambio di denaro. Questo sistema generò un notevole aumento dei 
monopoli concessi, come quello della Stationers' Company,
27
 che finì per incidere 
negativamente sui flussi degli scambi commerciali. Nel 1623 dunque, lo Statute of 
Monopolies riconobbe il diritto dell'inventore ad essere remunerato per il proprio 
lavoro d'ingegno, ma cancellò tutte le privative concesse
28
 ( letters patent), ad 
                                                
25
 G. D'AMMASSA, Introduzione, in AAVV, Diritto d'autore e diritti connessi nella società 
dell'informazione, Milano 2003. 
26
 «L’andarà parte che per auctorità de questo Conseio, chadaun che farà in questa Cità algun 
nuovo et ingegnoso artificio, non facto per avanti nel dominio nostro, reducto chel sarà a 
perfection, siche el se possi usar, et exercitar, sia tegnudo darlo in nota al officio di nostri 
provveditori de Comun. Siando prohibito a chadaun altro in alguna terra e luogo nostro, far 
algun altro artificio, ad immagine et similitudine di quello, senza consentimento et licentia del 
auctor, fino ad anni X.»  Archivio di Stato di Venezia, Senato terra, registro VII, carta 32. 
27
 La Worshipful Company of Stationers and Newspaper Makers (conosciuta come Stationers' 
Company) era una delle associazioni di categoria con sede nella City di Londra. Fondata nel 1403, 
deteneva il monopolio sul settore editoriale ed era ufficialmente responsabile della definizione e 
dell’applicazione delle normative sul copyright fino all’entrata in vigore dello Statute of Anne nel 
1710. 
28
  [I.] All [ Monapolies] a n d a l l C o m m i s s i o n s G r a u n t s L i c e n c e s C h a r t e r s a n d t r e s p a t e n t s 
heretofore made or graunted, or hereafter to be made or graunted to any person or persons 
Bodies Politique or Corporate whatsoever of or for the sole buyinge sellinge makinge workinge or 
usinge of any thinge within this Realme or the Dominion of Wales, or of any other Monopolies, or 
of Power Liberty or Facultie to dispence with any others, . . . 
F2
, are altogether contrary to the
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

Preview dalla tesi:

Proprietà intellettuale e diritti umani

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Giulio Barbato
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Claudio Zanghì
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 253

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

libertà di espressione
diritti umani
proprietà intellettuale
copyright
intellectual property
open source
wipo
copyleft
diritto salute
human rights
diritto educazione
doha round
hiv/aids
food security
creative commons
gnu gpl
trips plus
trips agreement
accesso conoscenza
access knowledge treaty
upov
open-content
general comment n.17
regime shifting

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi