Skip to content

Ricostruzione massmediatica di quattro casi di omicidio-suicidio in Romagna

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Ricostruzione massmediatica di quattro casi di omicidio-suicidio in Romagna, Pagina 7
gestire il dolore e la frustrazione derivanti.  Se poi quest'ultimo presenta un tratto di personalit à passivo­dipendente, per il quale   sviluppa una patologica idolatria del   partner,  è  altamente probabile che, a causa della   perdita dell'unico punto di riferimento della sua esistenza, la disperazione si trasformi in   rabbia, armandone cos ì la mano.
Tuttavia,   molti   altri   sono   i   motivi   alla   base   dei   delitti   che  avvengono   fra   le   “mura   amiche”: dissapori legati alla contesa di un'eredit à o scaturiti in un clima di quotidiana   tensione possono degenerare nel cosiddetto delitto d'impeto, espressione di un vero e proprio   cortocircuito emozionale che porta un soggetto a scagliarsi, come una fiera sulla preda,   contro colui, o colei, che identifica come la causa del proprio malessere.  Non   dobbiamo   infine   dimenticare   quei   delitti   scaturiti   in   un   contesto   familiare   influenzato   dal   disagio   psico­fisico   di   uno   dei   suoi   componenti:   si   parla   di   omicidio   altruistico o  pietatis causa  quando un parente, solitamente di primo grado, decide di porre   fine alle sofferenze del proprio caro colpito da una patologia gravissima, nei confronti della   quale la scienza medica si  è arresa.
  Secondo   le   statistiche   pi ù   recenti   questa   fattispecie   criminosa,   completata   nella   maggioranza dei casi dal suicidio dell'autore, risulta essere pi ù frequente nel Nord Italia,   dove   la   maggior   atomizzazione   della   struttura   familiare,   responsabile   dell'incapacit à   di   gestire situazioni di difficolt à, tende a isolare i due attori in un rapporto diadico, in cui   possono svilupparsi dinamiche interazionali facilmente evolventi in gesti estremi, tra cui   l'omicidio­suicidio.
Per rendere esaustivo il quadro fin qui delineato, non possiamo non soffermarci, anche se   brevemente,   sull'aspetto   criminodinamico   dell'omicidio   familiare,   focalizzando   la   nostra   attenzione sul tipo di arma utilizzata.
Analizzando le statistiche fornite dal   Rapporto Eures   2009, possiamo notare come gli   strumenti maggiormente utilizzati siano le armi da fuoco e quelle da taglio. Se, valutando il   dato in funzione dell'area geografica in cui si  è verificato il delitto, le prime risultano essere   utilizzate soprattutto al Nord e le seconde al Centro­Sud, le differenze pi ù significative si   desumono incrociando la variabile “tipo di arma” con quella “identit à di genere”, relativa   alla vittima prima e all'autore poi.
Considerando il sesso della vittima, notiamo come le donne cadano pi ù frequentemente   sotto i colpi inferti con armi bianche e, in percentuali decisamente inferiori, a causa della   sola forza fisica dell'aggressore. Al contrario, il decesso degli uomini vittime di omicidio   familiare  è dovuto tanto ai proiettili di armi da fuoco quanto ai fendenti di lame di varie   dimensioni, generalmente gi à presenti sul luogo del delitto.
Focalizzando, invece, la nostra attenzione sul sesso degli autori, quelli di genere maschile   prediligono le armi da fuoco per le quali, in circa la met à dei casi, detengono il regolare   permesso rilasciato dalla prefettura; tra le donne, al contrario, spicca l'utilizzo di armi da   taglio, soprattutto qualora  l'omicidio rappresenti l'unica soluzione per liberarsi dal giogo di   un  partner  violento.
Premesse metodologiche della ricerca e inquadramento dell'omicidio­suicidio                                                                             11          

Preview dalla tesi:

Ricostruzione massmediatica di quattro casi di omicidio-suicidio in Romagna

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Genick
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2010-11
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze sociologiche
  Relatore: Roberta Bisi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 44

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

famiglia
relazioni familiari
sociologia
criminologia
fatto sociale
criminodinamica
medicalizzazione
omicidio-suicidio
spettacolarizzazione massmediatica del crimine
patchwork
delitti familiari
caino

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi