Skip to content

Stress occupazionale e recenti trasformazioni del lavoro

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Stress occupazionale e recenti trasformazioni del lavoro, Pagina 6
5 
 
responsabile dell'analisi dettagliata delle procedure lavorative ed il piano più basso, 
destinato alla esecuzione materiale del lavoro.  
    La proposta di Taylor riguardava la minuziosa scomposizione di ciascun lavoro in minimi 
frammenti allo scopo di garantire un costante ed omogeneo rendimento ottenuto in base al 
principio della prevedibilità. Ogni lavoratore doveva conoscere la tipologia delle operazioni 
da compiere, le modalità con cui le stesse andavano compiute ed il tempo ad esse destinato 
in modo da ottenere esattamente il risultato complessivo giornaliero previsto, senza 
introdurre alcuna personale “iniziativa”. Riguardo al pensiero di Taylor in una grande 
industria le macchine e la progettazione industriale potevano essere anche enormemente 
complicate, ma non occorreva che i lavoratori comprendessero tale complessità. Egli 
asseriva che meno gli operai erano “distratti” dalla comprensione del disegno d'assieme 
tanto maggiore sarebbe stata l'efficienza con cui si sarebbero limitati a eseguire i propri 
compiti6. 
     L'aspetto di maggiore negatività che il taylorismo ha portato con sé è riconducibile alla 
negazione dell'umanità, cioè alla negazione del riconoscimento della soggettività umana al 
soggetto produttivo. Il lavoratore è privo di qualunque forma di emozione e di qualunque 
altro tipo di bisogno che non sia quello di guadagnare7. 
    E' bene precisare che quando si fa riferimento al cosiddetto modello fordista non si indica 
soltanto una determinata modalità di organizzazione di impresa, ma si allude ad uno 
scenario sociale complessivo che ha profondamente segnato la vita quotidiana degli 
individui che di esso sono stati partecipi e che ancora oggi rappresenta lo sfondo sul quale 
proiettiamo le attuali trasformazioni, al fine di delineare e comprenderne meglio i contorni 
ancora in evoluzione di queste ultime. “Il fordismo postbellico deve essere visto, quindi, 
non tanto come un semplice sistema di produzione in serie, quanto come uno stile di vita”: 
modelli organizzativi, concezione ed implementazione dei servizi, pianificazione famigliare, 
distribuzione dei tempi di vita, modelli di soddisfazione dei bisogni, consumi culturali ed 
altri aspetti ancora, contribuivano a formare un quadro d'insieme relativamente coerente e 
funzionale.8 
Questo scenario sociale ha cominciato a sgretolarsi con l'irrompere della complessità e con 
l'emergere di un nuovo paradigma organizzativo con annesse nuove concezioni del lavoro. I 
                                                 
6
 Sennet R., L'uomo flessibile, Feltrinelli, Milano, 2001. pag 40 
7
 Sforza G., Il male di lavorare tra isolamento e solitudine, Angeli, Milano, 2005. 
8
 La Rosa M., (a cura di), Sociologia dei lavori, Angeli, Milano, 2002, pag 33 

Preview dalla tesi:

Stress occupazionale e recenti trasformazioni del lavoro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sarah Baschieri
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Sociologia
  Relatore: Federico Chicchi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 68

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

baumann
benessere organizzativo
coping
coping individuale
coping organizzativo
distress
documento di valutazione dei rischi
emergenza
eustress
flessibilità
fordismo
knowledge economy
net economy
new economy
post-fordismo
prevenzione
salute organizzativa
selye
società dei lavori
stress economy
stress lavoro correlato
stress occupazionale
testo unico sulla salute e sicurezza sul lavoro
trasformazioni del lavoro

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi