Skip to content

Tra le nicchie del tempo e dello spazio: Mariangela Gualtieri e la relazione tra linguaggio poetico e scenico nel Teatro Valdoca

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Tra le nicchie del tempo e dello spazio: Mariangela Gualtieri e la relazione tra linguaggio poetico e scenico nel Teatro Valdoca, Pagina 5
6 
con il lavoro di due pietre miliari del teatro mondiale, Tadeusz Kantor e Jerzy Grotowski. 
Assistono di nascosto alle prove de La classe morta nella sotterranea Galleria Krzysztofory di 
Cracovia, mentre, a Breslavia, partecipano al laboratorio Tree of People e presenziano ad 
Apocalypsis cum figuris.  
È difficile inserire la Valdoca sotto una bandiera ideologica e tanto più ricondurla alle tendenze 
del Terzo Teatro e del cosiddetto Teatro Postmoderno. Piuttosto, la coppia crea un linguaggio 
teatrale a sé, fatto di segni mimici, oggetti, gesti, presenze e suggestioni simboliche. Si cerca 
inoltre una realtà unitaria, dove ogni elemento viene trattato come se fosse parte di una totalità, 
senza bisogno di concatenare gli eventi: mentre la nostra cultura ci obbliga all’ordine, alla 
separazione e alla sequenza, il teatro Valdoca si propone di cogliere la realtà nella sua unità. 
Una ricerca incentrata sul corpo e sulla visione che, con l’ingresso dei versi della Gualtieri negli 
anni novanta, si fa profondamente in accordo con la parola. Nella resa degli spettacoli, colpisce 
soprattutto “quel loro apparire naturali come un cristallo e perfettamente artificiali, quel far 
accadere l’essere in scena come una rivelazione (…) che stupisce, inattesa e nello stesso tempo 
così antica da averla dimenticata”
1
. 
1.2 La poetica della Valdoca: il teatro come rivelazione 
 
Cesare Ronconi concentra il suo lavoro, in primis, sul rifiuto della categoria di 
rappresentazione: l’obiettivo è inseguire il divenire e abbattere la narrazione: “la vera meta è 
non avere una meta, (…) il teatro è la distruzione del progetto”
2
. 
Non c’è dunque alcune interesse nel narrare, bensì nel rivelare. È forse per questo che i primi 
due spettacoli della Valdoca, Lo spazio della quiete e Le radici dell’amore, così come il 
progetto speciale Rebus sono tutti privi di testo. Lo spettatore viene accolto da un’atmosfera 
rarefatta, attraversata da suoni minimali, flussi diurni e immagini precise. L’ispirazione 
figurativa, basata su pochi elementi formalizzati, dà vita dunque a spettacoli non recitati né 
danzati, privi di scenografia, che relativizzano l’attimo fino alla perdita del senso del tempo.  
L’obiettivo, dunque, diventa permettere a questo vuoto, a questa imperfezione di aderire a una 
figura interiore: quella del proprio “destino”. Perché questo sia possibile, però, Ronconi sente 
il bisogno di eliminare tutto ciò che è superfluo, l’elemento virtuosistico e decorativo: “Il mio 
                                                 
1
 Valentina Valentini, L’inatteso che appare, note sulla poetica del Teatro Valdoca in Teatro Valdoca, Emanuela 
Dallagiovanna (a cura di), Rubbettino Editore, Soveria Mannelli (CZ), 2003, p. 19 
 
2
 Ivi, p. 17

Preview dalla tesi:

Tra le nicchie del tempo e dello spazio: Mariangela Gualtieri e la relazione tra linguaggio poetico e scenico nel Teatro Valdoca

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Sofia Longhini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere
  Corso: Lettere
  Relatore: Gerardo Guccini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

teatro
letteratura italiana
poesia
ronconi
teatro valdoca
mariangela gualtieri
milo de angelis

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi