Skip to content

Un ordine disordinato - verso una società rinnovata

Gratis La preview di questa tesi è scaricabile gratuitamente in formato PDF.
Per scaricare il file PDF è necessario essere iscritto a Tesionline. L'iscrizione non comporta alcun costo: effettua il Login o Registrati.

Anteprima della tesi: Un ordine disordinato - verso una società rinnovata, Pagina 3
5 
 
 
INTRODUZIONE. 
 
La realtà quotidiana entro la quale siamo immersi è il risultato dell’azione dei flussi culturali che la 
attraversano, che sono a loro volta influenzati dall’assetto sociale entro il quale si esprimono, creando 
un vitale circolo di reciproco e incessante condizionamento. 
Le diverse epoche sono caratterizzate da tratti culturali peculiari, che si esprimono nelle istituzioni, 
nell’organizzazione sociale, nell’ordinamento politico, nell’assetto economico, ma al contempo anche 
nelle minuzie dell’esperienza quotidiana, negli interessi di secondo ordine, nell’anodino, negli 
apparentemente insignificanti rituali di ogni giorno che costituiscono però un ingrediente 
indispensabile per conservare l’equilibrio, e la buona salute dell’ordine sociale. In ciò che è di scarso 
rilievo, considerato scontato ed abituale si trovano le radici del senso che proiettiamo sul nostro e 
sull’altrui vissuto.        
La vivacità culturale e la ricchezza di stimoli e di punti di vista della realtà contemporanea segnano un 
netto confine con gli assetti sociali più tradizionali, generando un terreno culturale variegato, ma al 
contempo segnato dall’eccesso di proposte e di interpretazioni dal carattere il più delle volte 
frammentario, superficiale, conflittuale, di breve, o brevissimo termine, fonte di smarrimento, che 
rende complicato orientarsi, e pianificare in modo consapevole la propria azione, e riuscire ad 
imbastire progetti in una prospettiva lungimirante, frutto di una riflessione personale e critica delle 
variabili coinvolte, e del contesto entro il quale si situano. 
Il comportamento diviene in tal modo il risultato di forze eterodirette, difficili da governare, ma persino 
da identificare, alle quali si aderisce acriticamente, in maniera conformistica. 
Un tratto tipico del pensiero contemporaneo, che costituisce un minimo comune denominatore di 
numerose proposte che costellano la nostra sfera culturale, si esprime nel dominio pressoché 
incontrastato delle logiche strumentali, performative e razionali tipiche del mercato. Discostarsi da 
questo modello, o quanto meno non rispondere prontamente alle sue richieste, significa scontare un 
radicale senso di inadeguatezza, quando non di fallimento, che l’individuo è costretto ad affrontare in 
solitudine, trovandosi in un ambiente sociale frammentato, abitato da soggetti reciprocamente 
sospettosi, che hanno interiorizzato le logiche individualiste, ed egoistiche propinate del modello 
utilitarista dell’homo oeconomicus. 
La moltiplicazione delle sfere esistenziali che di continuo attraversiamo nel quotidiano presenta una 
complessità, e un’organizzazione in numerosi sottouniversi che la rendono unica nella storia 
dell’uomo. Ne sono esempi l’ambito lavorativo, familiare, genitoriale, dello svago, del volontariato, 
dell’impegno sociale, della partecipazione politica, e via dicendo. 
Se la maggior parte di queste realtà ripercorrono le logiche culturali dominanti, alcune si differenziano 
grazie a delle proposte alternative, quando non opposte, divenendo una potenziale fonte di critica dello 
status quo, e al contempo uno stimolo per riflettere sui nodi problematici del mondo attuale, sui quali 
vengono avanzate possibili soluzioni, e proposti differenti assetti socioculturali. 
Si tratta di spazi che, riprendendo la definizione dell’antropologo Victor Turner, in questo lavoro in 
parte estesa e ulteriormente elaborata, chiamiamo liminoidi (Turner, 2005). Molti si situano in ambiti 
di scarsa importanza, come nel caso delle offerte ludiche, e ai margini delle principali istituzioni, come 
avviene per i centri di ricerca, i circoli culturali, le associazioni, i comitati, le manifestazioni pubbliche, 
i dibattiti su temi di vario genere, e gli organismi che promuovono e diffondono espressioni artistiche 
e letterarie. Altre volte rivestono un ruolo più visibile e centrale, è il caso delle scuole, delle università, 
e degli istituti formativi, infine sono rinvenibili negli interstizi delle istituzioni che in larga misura si 
rifanno alle logiche culturali codificate, come ad esempio le forme cooperative, associative e solidali 
nell’ambito lavorativo. Tra le realtà liminoidi rientrano i locali da ballo di latinoamericano, 
collocandosi nell’area dello svago e del divertimento, sui quali si concentra questa ricerca, che prende 
in esame in particolare il territorio milanese e le sue vicinanze. 
L’osservazione e la partecipazione alle serate, ed agli eventi da questi promossi, ci ha consentito di

Preview dalla tesi:

Un ordine disordinato - verso una società rinnovata

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Massimo Cislaghi
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2014-15
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Sociologia
  Relatore: Enzo Colombo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 164

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi