Skip to content

L’arrampicata: fattori temperamentali e processi motivazionali

Informazioni tesi

  Autore: Maria Aurora Dionisi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia e Salute
  Corso: Psicologia
  Relatore: Gennaro Accursio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

Ho deciso di trattare come argomento della mia tesi l’arrampicata: un’attività complessa che non presenta difficoltà solo dal punto di vista fisico, ma è anche una vera e propria sfida psicologica. Come scrive Caruso “l’arrampicata è una continua ricerca di equilibrio nel movimento” che si raggiunge grazie alla giusta scelta degli appigli e appoggi che portano lo sportivo ad imparare a gestire l’agitazione, vincendo l’ansia e la paura di cadere.
Da questo studio si è potuto evincere come, in accordo con Strelau, gli individui che praticano l’arrampicata abbiano una bassa reattività in quanto prediligendo attività più coinvolgenti caratterizzate da bassa sensibilità ed alta resistenza hanno la necessità di provare intense stimolazioni per mantenere il loro livello ottimale di attivazione che secondo Zuckerman (1984) viene raggiunto grazie alla ricerca di nuove sensazioni dal momento che quest’ultime permettono un maggior rilascio di catecolamine.
Con lo studio di Orth Button e Davids (2017) si è potuto notare, in base all’aspetto temperamentale dell’atleta, come l’ansia possa rappresentare un’energia psichica motivante oppure deviante. Infatti, in condizioni di ansia elevata determinata dalla percezione del rischio di caduta, i principianti tendono a rimanere maggiormente immobili sulla parete e ad effettuare più azioni esplorative che, di conseguenza, diminuiscono la velocità, l’accuratezza, l’efficienza e l’adattabilità dell’azione di arrampicata rispetto ad esperti.
Una componente importante che influisce sullo performance dello sportivo è la motivazione che secondo Caruso è insita nell’attività stessa dell’arrampicata, nell’esigenza di conoscenza, nella semplicità e nella bellezza dell’esecuzione del movimento ma è anche data dall’esigenza di misurare le proprie abilità tramite il raggiungimento del successo (teoria di Atkinson) e dalla presenza dei bisogni di affiliazione, potere e successo di McClelland. Per comprendere meglio i processi motivazionali e l’autoregolazione nell’ambito dello sport è importante fare riferimento al concetto di autodeterminazione, esigenza innata collegata ai bisogni di autonomia, competenza e il sentirsi in rapporto con gli altri. È molto importante il desiderio di autorealizzazione, in quanto, il sentirsi realizzati nell’aver superato un ostacolo comporta un rafforzamento della propria autoefficacia, autostima ed un alto livello di regolazione interna. Da uno studio effettuato dal Dipartimento di Psicologia della Florida del Nord (USA) è stato dimostrato come questa disciplina produca un grande beneficio a livello della memoria lavorativa, fino ad un aumento del 50% portando a dei benefici sulla memorizzazione e sull’elaborazione di informazioni attraverso il monitoraggio e il coordinamento. Nella parte conclusiva della mia tesi ho riportato delle esperienze di sportivi agonisti e non agonisti che mi hanno fatto comprendere come la dimensione esperenziale abbia delle ripercussioni sugli aspetti motivazionali, temperamentali ed emozionali.

Informazioni tesi

  Autore: Maria Aurora Dionisi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia e Salute
  Corso: Psicologia
  Relatore: Gennaro Accursio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
8 CAPITOLO 1 1. IL TEMPERAMENTO 1.1 DEFINIZIONE E TEORIE PRINCIPALI La nozione di temperamento pone le proprie radici nel pensiero classico di autori come Ippocrate e Galeno. Viene definito come “un costrutto ipotetico di organizzazione usato per identificare una serie complessa di processi che si riferiscono al modo in cui il comportamento è espresso, indipendentemente dal contenuto e dalle motivazioni “(A.Gennaro, 2004). L’attenzione viene posta sulle componenti biologiche del comportamento dal momento che il temperamento è frutto dell’evoluzione di meccanismi fisiologici innati. Diversi studi hanno mostrato come la personalità si costruisca sulla base del temperamento ed essendo quest’ultimo innato e presente nei primi istanti di vita, la personalità è fortemente influenzata e modificata dalla relazione che l’individuo instaura con l’ambiente, dai suoi desideri e dal livello di attivazione ed eccitazione. Diversi sono gli autori che si sono occupati del temperamento e che hanno elaborato teorie a riguardo. Uno dei primi fu Strelau (1983) che considerò il temperamento come l’insieme di caratteristiche relativamente stabili dell’organismo, primariamente determinate biologicamente e strettamente connesse agli aspetti formali del comportamento come il livello di energia e le caratteristiche temporali. Per lo psicologo polacco il temperamento si distingue dalla personalità dal momento che, quest’ultima, è il prodotto delle condizioni socio-storiche e si costruisce sulla base delle relazioni significative instaurate dal bambino e il suo sviluppo, non è solamente influenzato dai processi di apprendimento e di socializzazione, ma anche da emozioni, aspettative, desideri e mete. Non è escluso che i tratti temperamentali siano soggetti alle influenze di fattori ambientali, fisici, sociali e

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autodeterminazione
temperamento
arrampicata
processi motivazionali

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi