Skip to content

L’arrampicata: fattori temperamentali e processi motivazionali

I modelli e le teorie motivazionali

Nel corso degli anni sono state elaborate, tramite gli studi sulla motivazione, diverse teorie. In particolare, esistono diversi modelli motivazionali, che risentono di differenti orientamenti teorici. Secondo il modello biologico la motivazione è vista come un semplice “stato organico di bisogno” che porta al raggiungimento dell’omeostasi di base con il conseguente arresto della stimolazione. Ciò porta l’individuo ad agire originando uno stato di non equilibrio. Questo stato viene segnalato tramite uno stato di tensione derivante dalla consapevolezza di dover soddisfare un bisogno che, se ampiamente soddisfatto, consentirà all’individuo di raggiungere uno stato di equilibrio.
Di ispirazione positivista, invece, sono i modelli psico-socio-antropologici, nei quali la motivazione è il risultato dell’azione della matrice culturale e sociale all’interno di una “personalità di base”. Infatti, secondo il comportamentista Skinner, una buona parte del comportamento è controllata da fattori esterni che completano la realizzazione del potenziale umano e per questo una volta specificato in che modo l’ambiente determina il comportamento, si è detto tutto quello che c’è da dire sulla motivazione.
Nei modelli istintivi la motivazione è intesa come un istinto di origine umana, costituito da forze più automatiche ed inconsapevoli, intrinseche alla costruzione del soggetto, non apprese, o al massimo modificate dalle abitudini apprese come “gli istinti ed abiti” di James, le “hormè” di McDougall e i “meccanismi di sganciamento” di Lorenz. Con la teoria delle pulsioni di Sigmund Freud, la motivazione viene analizzata in relazione al modo in cui le pulsioni possono indirizzare il comportamento umano. Per Freud una pulsione è il costituente psichico geneticamente determinato che opera producendo uno stato di eccitazione, di tensione che spinge l’individuo all’attività. Queste pulsioni si trovano all’interno dell’inconscio in cui regna il caos e l’unica motivazione riscontrabile è quella di ottenere soddisfazione secondo il principio di piacere. Infatti, l’impulso inconscio viene definito come “un’entità distinta, che non si riferisce intrinsecamente a nessun’altra cosa al mondo, neppure agli altri impulsi inconsci” (S. Freud, 1993, pp. 103-105).
All’interno dei modelli psicosociali, la motivazione si è sviluppata come bisogno di sentirsi in sintonia con il gruppo di riferimento, di dare e ricevere i diversi segnali di appartenenza. Questi approcci si focalizzano su aspetti differenti della motivazione proponendone diversi significati originari.
Ogni metodologia di analisi ha fornito un’interpretazione non esaustiva riguardo questo costrutto. In particolare, si fa riferimento a quelle teorie che hanno analizzato il problema della motivazione limitandosi a proporre delle liste di “motivi fondamentali” con classificazioni puramente descrittive e quelle che hanno ricondotto tutte le motivazioni ad un solo bisogno fisiologico capace di dare origine a dei bisogni secondari attraverso un processo di condizionamento.
Le più importanti teorie sulla motivazione sono quelle cosiddette psicologiche che non sono solamente collegate ai bisogni fisiologici, ma soprattutto ai valori, alle credenze e alla personalità di ogni singolo individuo. Tra queste ricordiamo “ la piramide dei bisogni” di Maslow, “la teoria dei bisogni” di Murray, “la teoria al raggiungimento” di McClelland e “la teoria motivazionale” di Atkinson.

Certificazione antiplagio

Noi verifichiamo le corrispondenze online e puoi ottienere un certificato di eccellenza per valorizzare il tuo lavoro

Questo brano è tratto dalla tesi:

L’arrampicata: fattori temperamentali e processi motivazionali

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

Informazioni tesi

  Autore: Maria Aurora Dionisi
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia e Salute
  Corso: Psicologia
  Relatore: Gennaro Accursio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 46

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autodeterminazione
temperamento
arrampicata
processi motivazionali

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi