Skip to content

Bullismo e Cyberbullismo: Una società violenta?

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Grosso
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università Telematica "E-Campus"
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Armando Palmegiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

L’incremento dei casi di violenza esplosi negli ultimi anni tra i giovanissimi mi ha spinto a scegliere la tematica relativa al Bullismo.
Nonostante la preoccupante diffusione del fenomeno, la tematica è trattata con sconcertante superficialità, o è confusa con altri atti di violenza, come il teppismo, i furti, gli atti vandalici ecc.
L’ambiente scolastico risulta essere il “luogo” all’interno del quale il bullismo si diffonde maggiormente: infatti, recenti ricerche dimostrano come i casi di bullismo tra le mura scolastiche e i luoghi di aggregazione giovanile siano in costante crescita. Emerge che ben uno studente su tre ha subito atti di violenza relative al bullismo almeno una volta.
Anche il cyberbullismo, vale a dire il bullismo online, sta prendendo piede sempre più. Il 34% dei casi di bullismo registrati negli ultimi anni sono stati infatti “consumati” in rete.
Un utilizzo errato delle nuove tecnologie di comunicazione come i social network, portano una forma di violenza antica come il bullismo a trasformarsi in un mostro di odio ancora più ostico e difficile da contrastare, in quanto un semplice cellulare permette al bullo di “infiltrarsi” nelle case delle vittime designate, perseguitandole tramite messaggi, post sui vari social network, video e immagini offensivi.
Il fatto più sconcertante è che di bullismo e cyberbullismo non si parla: infatti una vittima su tre tende a non parlare dell’esperienza vissuta per vergogna di essere giudicati e non compresi dalle altre persone e molte volte anche per superficialità dato che gli atti prevaricatori tra i giovani, risultano delle consuetudini comportamentali.
Il seguente lavoro approfondirà in maniera esaustiva i fenomeni del bullismo e del cyberbullismo, i suoi attori e tutte le dinamiche a questi due atti di violenza collegate, con l’intenzione di avere una maggiore consapevolezza concettuale e di diffusione. Verranno proposte tecniche di prevenzione e di intervento utili ad arrestare un avanzamento di queste due forme di violenza che oggi sembra essere incontrollato.

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Grosso
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università Telematica "E-Campus"
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Armando Palmegiani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 51

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1.1 Il bullo “E’malvagio. Quando uno piange, egli ride. Provoca tutti i più deboli di lui, e quando fa a pugni, s’inferocisce e tira a far male. Non teme nulla, ride in faccia al maestro, ruba quando può, nega con una faccia invetriata, è sempre in lite con qualcheduno. Egli odia la scuola, odia i compagni, odia il maestro”. Così Edmondo de Amicis descrive il 6 “bullo” Franti nel libro Cuore. Il bullo è uno degli attori individuabili all’interno dei comportamenti prevaricatori, assieme alle vittime e agli spettatori. Questi tre gruppi si dividono a loro volta in sottocategorie, dunque è di fondamentale importanza cercare di capire quella che è la tipologia di individuo che rientra in una delle tre classi per andare poi a pianificare programmi di intervento e di prevenzione per fermare il fenomeno. Ma chi è davvero il bullo? E perché mette in atto questi atteggiamenti violenti? Di solito, questo soggetto si presenta come una persona piena di sé, con un forte bisogno di potere e di auto affermazione. Il bullo solitamente è impulsivo, non è abile nell’autocontrollo, tende a non rispettare le regole, ed è spesso aggressivo non solo nei confronti dei suoi coetanei, ma anche verso gli adulti. Inoltre, questa tipologia di persona ritiene la violenza come unico mezzo per acquistare prestigio e per ottenere dei risultati, e presenta una scarsa capacità empatica, che dunque non gli permette di avere una adeguata consapevolezza delle conseguenze delle proprie azioni. La vittima, bersaglio su ci esercitare la propria prepotenza, procura al bullo una forza vicaria che in fondo quest’ultimo non possiede realmente, essendo un soggetto profondamente insicuro ed insoddisfatto. Individuiamo differenti tipologie di bullo: 1. Il bullo dominante: questa tipologia di bullo ha un atteggiamento ostile verso i coetanei, ma anche nei confronti degli adulti, che siano insegnanti o genitori. “I comportamenti messi in atto da tali soggetti e i loro problemi comportamentali si “Cuore”, Edmondo De Amicis, 1886 6 12

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicologia
scuola
adolescenza
sociologia
criminologia
bullismo
tesi
hikikomori
cyberbullismo
scienze e tecniche psicologiche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi