Skip to content

Cyberstalking: le molestie on line nell'era del social web. Stato dell'arte della ricerca e prospettive future

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Fazio
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Anna Maria Giannini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

Il termine cyberstalking viene utilizzato per definire quei comportamenti che, attraverso l'uso delle nuove tecnologie, vengono messi in atto da offensori definiti cyberstalker con lo scopo di perseguitare le vittime con richieste di contatto petulanti, messaggi sgraditi anche di tipo intimidatorio contenenti minacce e offese. L'obiettivo del cyberstalker è quello di infastidire e molestare la vittima prescelta, distruggendo le sue amicizie e la sua reputazione, sino a commettere atti di aggressione molto più violenti, anche di tipo fisico.
Il cyberstalking è pertanto un atto violento contro la persona, o meglio, contro la libertà personale, perpetrato a distanza, non in presenza fisica della vittima e dell'offensore, ma non per questo meno grave e insidioso, e cagione di gravi conseguenze per le vittime. Concettualmente è abbastanza simile alla sua controparte offline, lo stalking, sebbene con l'avvento del cosiddetto web 2.0 o social web, le differenze tra i due crimini si sono accresciute, pur rimanendo in alcuni casi delle affinità.

Informazioni tesi

  Autore: Emanuele Fazio
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Anna Maria Giannini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 75

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il termine cyberstalking viene utilizzato per definire quei comportamenti che, attraverso l’uso delle nuove tecnologie, vengono messi in atto da offensori definiti cyberstalker con lo scopo di perseguitare le vittime con richieste di contatto petulanti, messaggi sgraditi anche di tipo intimidatorio contenenti minacce e offese. L’obiettivo del cyberstalker è quello di infastidire e molestare la vittima prescelta, distruggendo le sue amicizie e la sua reputazione, sino a commettere atti di aggressione molto più violenti, anche di tipo fisico. Il cyberstalking è pertanto un atto violento contro la persona, o meglio, contro la libertà personale, perpetrato a distanza, non in presenza fisica della vittima e dell'offensore, ma non per questo meno grave e insidioso, e cagione di gravi conseguenze per le vittime. Concettualmente è abbastanza simile alla sua controparte offline, lo stalking, sebbene con l'avvento del cosiddetto web 2.0 o social web, le differenze tra i due crimini si sono accresciute, pur rimanendo in alcuni casi delle affinità. Nel primo capitolo si tratterà quindi delle definizioni di questo costrutto e delle difficoltà ad oggi presenti nell'individuarne una che sia ampiamente condivisa tra i ricercatori. Infatti, è solo sulla scorta di una definizione condivisa che la ricerca può rilevare in modo affidabile la misura della sua prevalenza e incidenza. Il capitolo prosegue con l'analisi dei metodi di operazionalizzazione e misura, evidenziando come anche in questo caso non vi è un accordo su quali comportamenti considerare rientranti nella fattispecie e quali indicatori utilizzare per misurarli. Ciò non rende sempre agevole la comparazione tra ricerche differenti. Tenendo presente l’importanza di una concettualizzazione e operazionalizzazione condivise, il primo capitolo prosegue con l’analisi delle caratteristiche che contraddistinguono i tre attori principali dell’episodio di cyberstalking: l’offensore, la vittima e il contesto entro il quale si consuma l’atto persecutorio, il web 2.0 o social web. Per quello che attiene offensore e vittima, ci si soffermerà sullo stato dell’arte della ricerca riguardo a quelle che sono le caratteristiche sociodemografiche, mentre per quello che attiene esclusivamente l’offensore, saranno evidenziate altre caratteristiche, come la motivazione e il profilo psicologico, e infine, l’unico modello disponibile di classificazione tipologica. Il capitolo si concluderà con l’analisi del contesto, il social web, per individuarne e aggiornarne le caratteristiche in quanto trattasi di un fenomeno in continua evoluzione e dove i cambiamenti tecnologici e di utilizzo si susseguono molto velocemente.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

molestie
stalking
cyber-stalking
cyberstalking

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi