Skip to content

Il Bullismo sul posto di lavoro: effetti sulla Salute mentale e sulla Soddisfazione lavorativa

Informazioni tesi

  Autore: Domenico Graziano
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia applicata ai contesti della salute del lavoro e giuridico-forense
  Relatore: Claudio Barbaranelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

A partire dagli anni Ottanta del secolo scorso, una parte della ricerca scientifica si è concentrata sull’analisi del bullismo sul posto di lavoro e sull’impatto che esso può avere sugli individui e sulle organizzazioni. Si tratta, secondo la ricerca, di un fenomeno che coinvolge una percentuale di lavoratori che va dal 10 al 15% all’interno delle organizzazioni europee e nord-americane. Il bullismo sul posto di lavoro è caratterizzato da comportamenti aggressivi, reiterati e duraturi, che vengono percepiti come ostili da parte del target che, posto in una posizione di inferiorità, si rivela incapace di difendersi dagli attacchi messi in atto dal bullo (o dai bulli) (Einarsen & Raknes, 1997). Molti studiosi si sono occupati di fornire una definizione unitaria di questo costrutto, ma, ad oggi, non ne esiste una che sia condivisa all’interno dell’intera comunità scientifica. Ciò è dovuto alla complessità del fenomeno del bullismo sul posto di lavoro, che si configura come un processo in continua evoluzione, dovuto all’interazione di fattori psicologici, culturali ed individuali che rendono gli strumenti di misura, spesso, inadeguati a cogliere la manifestazione del fenomeno nella globalità di aspetti che lo caratterizzano. Solo in tempi più recenti, le organizzazioni hanno iniziato ad occuparsi della prevenzione e del sanzionamento dei persistenti comportamenti ostili che si verificano al loro interno ai danni di uno o più lavoratori da parte di supervisori e/o colleghi: un interesse crescente dovuto soprattutto al notevole impatto negativo del fenomeno su alcuni outcomes organizzativi come produttività, assenteismo e turnover. Tuttavia, l’impatto del bullismo sui risultati organizzativi è subordinato all’impatto negativo che tale fonte di conflitto interpersonale ha sulle vittime a livello psicologico, portandole a sviluppare una costellazione di sintomi di disagio psicologico, legati alla situazione vissuta sul posto di lavoro, come ansia, depressione e altri disturbi psicologici associati allo stress, ma anche atteggiamenti negativi verso il lavoro che generano un decremento sostanziale della soddisfazione lavorativa. La valutazione del bullismo sul posto di lavoro come rischio per la salute mentale dei lavoratori, che ne sono vittime (o testimoni), ha spinto i ricercatori a mettere a punto una serie di studi per comprendere a pieno la natura del fenomeno e fornire alle organizzazioni un punto di partenza per intraprendere azioni organizzative volte a contrastare il succedersi di tali eventi. La prima parte di questo elaborato si concentrerà sull’inquadramento del fenomeno del bullismo all’interno dei contesti organizzativi, prendendo in esame le caratteristiche individuali della figura della vittima e del bullo, le variabili organizzative che contribuiscono a prevenire o che, contrariamente, incentivano la manifestazione di comportamenti di bullismo e le conseguenze negative che questi ultimi provocano sul benessere delle vittime, dei testimoni e dell’organizzazione. Si passeranno in rassegna, inoltre, le varie tipologie di bullismo sul posto di lavoro, delineate all’interno di differenti classificazioni, messe a punto da importanti studiosi del fenomeno e si concluderà fornendo un quadro teorico di riferimento, per comprenderne il processo alla luce delle diverse variabili che intervengono nella genesi del fenomeno, e un resoconto degli strumenti di misura più utilizzati dalla comunità scientifica. Uno spazio importante sarà dedicato anche agli effetti degli atti negativi sul posto di lavoro sulla salute mentale, passando in rassegna alcune evidenze empiriche che ne sottolineano l’influenza sulle manifestazioni di ansia e depressione in alcuni campioni analizzati. Infine, la rassegna si concentrerà sul costrutto della soddisfazione lavorativa, sottolineandone l’evoluzione degli approcci teorici e misurativi, e mettendo in luce i risvolti negativi che il bullismo può avere su di essa. Con queste premesse, nella seconda parte dell’elaborato, verranno analizzati i dati provenienti dalla ricerca condotta su un campione di 1079 soggetti tratti dalla popolazione normale. La ricerca ha l’obiettivo di stabilire se vi sia una correlazione tra il Bullismo sul posto di lavoro e la Salute Mentale e la Soddisfazione Lavorativa. Il bullismo verrà qui inteso, e misurato, nella forma dell’intenso conflitto interpersonale al lavoro (Baillien et al., 2009; Leymann, 1996) e della supervisione abusiva (Tepper, 2000). In ultima istanza, dopo aver presentato le caratteristiche del campione, verranno illustrati gli strumenti e le procedure, e l’analisi dei dati, i cui risultati saranno discussi sulla base della letteratura esistente sul tema.

Informazioni tesi

  Autore: Domenico Graziano
  Tipo: Laurea II ciclo (magistrale o specialistica)
  Anno: 2020-21
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia applicata ai contesti della salute del lavoro e giuridico-forense
  Relatore: Claudio Barbaranelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 135

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 CAPITOLO 1 - IL BULLISMO SUL POSTO DI LAVORO E I SUOI EFFETTI SULLA SALUTE MENTALE E SULLA SODDISFAZIONE LAVORATIVA 1. Il Bullismo sul posto di lavoro Essere vittima di comportamenti aggressivi e ostili in costanza di lavoro rappresenta uno dei rischi psicosociali che possono incidere - in misura maggiore e in modo negativo -sulla salute del lavoratore e sul funzionamento ottimale delle organizzazioni. A partire dagli ultimi decenni del Novecento, l’interesse della ricerca scientifica per il fenomeno del bullismo sul posto di lavoro si è sviluppato notevolmente. Le radici del fenomeno sono riscontrabili - già a partire dagli anni Settanta - all’interno dell’opera “The harassed worker” dello psichiatra americano Carroll Brodsky (1976), in cui l’autore riportava i vissuti di alcuni lavoratori costretti a subire persistenti molestie durante l’orario lavorativo da parte di colleghi e/o superiori. L’autore si riferiva alle molestie sul luogo di lavoro come tentativi reiterati da parte di una o più persone di creare sensazioni di fastidio, frustrazione e di provocare una reazione in un’altra. La consapevolezza crescente della presenza del bullismo sul posto di lavoro trova spazio in Nord Europa nel corso degli anni Ottanta, al termine dei quali viene pubblicato il primo vero e proprio studio scientifico che indaga il fenomeno, ad opera di Leymann (1990). Egli scoprì, studiando i comportamenti di bullismo che intervenivano nelle interazioni di gioco tra un gruppo di bambini, che tali comportamenti potevano essere rintracciati anche nelle interazioni tra persone sul luogo di lavoro. Lo studio condotto da Leymann trova le sue premesse negli studi condotti sul comportamento del gregge da parte dello psicologo scandinavo Heinemann (1972), il quale - per riferirsi ai comportamenti di aggressione messi in atto da un gruppo di bambini in età scolare nei confronti di un bersaglio - utilizzò per primo il termine “mobbing”, coniato dalla radice inglese “mob” che significa “moltitudine”, “folla”. Successivamente, diversi studi norvegesi hanno affermato che il bullismo sul posto di lavoro rappresentava un fenomeno con elevata incidenza all’interno delle organizzazioni (Einarsen, Raknes e Matthiesen, 1994). In Europa, il termine “mobbing” venne utilizzato nei Paesi di lingua germanica, nei Paesi Bassi e Scandinavi e da alcuni Paesi nell’area del Mediterraneo, mentre il termine “bullismo”(“bullying”, in inglese) venne utilizzato dai Paesi anglofoni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

mobbing
salute mentale
analisi fattoriale
ptsd
regressione multipla
workplace bullying
job satsfaction
einarsen

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi