Skip to content

La separazione - individuazione nel rapporto madre e bambino e la funzione della pelle come contenitore delle emozioni del bambino

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Lovati
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Gabriella Attimonelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

Questa tesi cerca di comprendere come, da un punto di vista psicoanalitico, il bambino possa superare l’angoscia più primitiva e importante, quella di separazione dalla propria madre.
L’obiettivo di questa tesi è quello di fornire un’analisi comparata dello spunto teorico del concetto di angoscia di separazione, che produce la problematica necessaria ad arrivare alla concezione della pelle, percepita anche come contenitore delle emozioni dirompenti del bambino.
Si è deciso perciò di ripercorrere l’evoluzione del concetto di angoscia di separazione, che, anche grazie al decisivo supporto metodologico dell’osservazione diretta del bambino piccolo di Eshter Bick, porta la stessa autrice a formulare il concetto di prima pelle psichica.
La tesi è articolata in tre capitoli: nel primo capitolo viene fornita un’introduzione al concetto psicoanalitico di angoscia di separazione, partendo da Freud e continuando attraverso la visione della psicoanalisi delle relazioni oggettuali, raffrontando alcuni degli autori che più hanno contribuito a questo filone teorico molto vivace: da Melanie Klein a Winnicott, Bion e Meltzer. Nel secondo capitolo viene esposto il metodo dell’osservazione diretta del bambino (Infant Observation), o meglio del rapporto madre-bambino: questa tecnica è nata inizialmente con lo scopo di confermare e contribuire alle conoscenze psicoanalitiche sullo sviluppo infantile (Fondate sulla costruzione analitica di pazienti adulti), utilizzata come training didattico per gli psicoanalisti infantili, acquisì sempre più importanza nel campo della psicoanalisi infantile, fino alla sua formulazione moderna di Eshter Bick: “[…] essenzialmente un attraverso il quale l’osservatore apprende, per tramite dell’esperienza, a percepire le peculiarità e le modificazioni di una relazione colta allo stato nascente”, quella madre-bambino. Col terzo capitolo, infine, si arriva alla definizione concettuale di pelle psichica, percepita come contenitore delle emozioni del bambino, che gli permette così di rimanere integro nonostante le forti spinte emotive interne ed esterne alle quali è sottoposto.

Informazioni tesi

  Autore: Carlo Lovati
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Niccolò Cusano - Telematica Roma
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Gabriella Attimonelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
29 2 L’OSSERVAZIONE DIRETTA DEL BAMBINO 2.1 Cenni storici L'esame della letteratura sull’osservazione del bambino in ambito psicoanalitico rivela un approccio tutt'altro che unitario, in cui convivono numerosi metodi, anche differenti tra loro. Ogni psicoanalista che si occupava di bambini utilizzava metodi spesso contrastanti, con metodologie e presupposti teorici incompatibili tra loro. Non esiste perciò una vera e propria letteratura sull’osservazione psicoanalitica, anche considerando il fatto che era diffusa la tendenza tra gli autori a riprendere ciò che era già scritto. In un primo tempo i dati provenienti dall'osservazione diretta consolidarono quelli ottenuti dalle analisi di pazienti adulti; ma dall’altra parte apparve presto chiaro che non poteva essere sufficiente concepire l'analisi dei bambini come strumento per chiarire i problemi irrisolti emergenti del materiale degli adulti in analisi; emerse quindi la necessità di un metodo di analisi che utilizzasse lo stesso apparato metodologico dell’analisi psicoanalitica, ma che si avvalesse anche di metodologie nuove, che integrassero le tradizionali ricostruzioni transferali. Uno di questi metodi fu l'infant observation. Sigmund Freud introdusse il metodo osservativo in ambito clinico quando descrisse il gioco del nipote Ernst col rocchetto. Secondo lui l'osservazione diretta dei bambini permetteva di ottenere conferme sulle ipotesi fatte durante l'analisi dei pazienti adulti riguardo la loro vita infantile, ottenendo chiarimenti su tutta una serie dei problemi irrisolti emersi dal materiale di pazienti adulti. In quegli stessi anni la Klein utilizzò il metodo osservativo su suo figlio e considerò l'osservazione complementare all’indagine clinica e alla ricostruzione psicoanalitica a partire dall'adulto. A questo punto però continuava a mancare una
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicoanalisi
freud
osservazione diretta del bambino
esther bick
winnocott
angoscia di separazione

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi