Skip to content

Pubblica Amministrazione e Lavoro Intelligente tra Benefici e Resistenze: dal Telelavoro allo Smart Working

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Buongiorno Sottoriva
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Giovanni Fattore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

In un contesto lento al cambiamento come quello della pubblica amministrazione italiana, può lo smart working adattarsi alle logiche e alle strutture burocratiche per generare vera innovazione? Questo lavoro si pone l’obiettivo di spiegare quali potenzialità abbia il lavoro agile e quali siano le condizioni necessarie affinché possa avere successo nelle istituzioni pubbliche italiane. A partire dagli studi più recenti in tema di smart working e dai dati statistici disponibili, è stato delineato un modello logico-qualitativo che spieghi gli effetti – positivi e negativi – del lavoro agile. L’analisi ha distinto un piano individuale, che attiene ai benefici per il singolo lavoratore, e un piano collettivo, che mostra come la somma dei singoli benefici possa avere un impatto positivo sull’intero sistema economico e sociale. Per quanto riguarda il lavoratore, la sua produttività è generalmente messa in grado di migliorare, così come il suo benessere. Si tratta, tuttavia, di un equilibrio difficile da raggiungere e conservare, come dimostrano il workaholism – la dipendenza da lavoro - e il suo opposto, la mancanza di impegno nel lavoro. Per quanto riguarda gli effetti sulla collettività, sono distinti in effetti sul benessere sociale, effetti sulle variabili macroeconomiche e costi-benefici per le istituzioni pubbliche. In linea teorica, il benessere sociale aumenta in seguito all’adozione del telelavoro, avendo essa tra gli effetti la riduzione del traffico e dell'inquinamento. Ma alcuni studi suggeriscono che occorra valutare il mix energetico e il contesto socio-culturale per determinare se gli effetti ambientali siano positivi. Gli effetti sulle variabili macroeconomiche riguardano il tasso di partecipazione al mercato del lavoro – che aumenta grazie alla prosecuzione del lavoro anche nei periodi successivi alla maternità – e la produttività delle imprese private – che aumenta se aumenta quella del settore pubblico. Infine, le istituzioni pubbliche possono fronteggiare minori costi variabili, a fronte di un investimento iniziale in tecnologia. È stata, inoltre, analizzata la compresenza di effetti contrastanti, che Boell, Cecez-Kecmanovic e Campbell definiscono paradossi del telelavoro. Oltre ad evidenziare in quali condizioni l’adozione di politiche di smart working non genera paradossi, sono indicate le principali resistenze al lavoro agile, tra cui il cambio del sistema di valutazione, il livello politico e il management pubblico. Infine, si analizzano le prospettive future per il lavoro agile con Francesco Rutelli e Piero Sandulli, sindaco e assessore della giunta del Comune di Roma che per prima sperimentò un modello di telelavoro. Questo lavoro finale si inserisce nella discussione sull’evoluzione delle istituzioni pubbliche secondo nuovi modelli tecnologici e organizzativi. Non si può, infatti, ritenere il lavoro agile uno strumento attuabile in ogni contesto e in ogni momento. Lo smart working può essere un modo per permettere l’assunzione nelle istituzioni pubbliche di una valutazione basata sugli output e non sugli input, che faccia del risultato l’obiettivo del dipendente pubblico. A questo devono, però, associarsi una serie di innovazioni che rendano coerenti i principi dello smart working, come l’eliminazione del cartellino anche per i non telelavoratori. Questa analisi sullo smart working delinea un presente di opportunità e sfide. L’adozione di progetti di lavoro agile può contribuire ad una rivoluzione culturale generando innumerevoli effetti benefici per i lavoratori pubblici e per l’economia nel suo complesso. La risposta alla domanda di ricerca è positiva: le istituzioni pubbliche italiane possono essere innovate e possono adottare pratiche di lavoro intelligente. Per fare questo è richiesta una comunione d’intenti tra i differenti attori che operano all’interno delle strutture politico-amministrative: politici, dirigenti, dipendenti pubblici, cittadini e gli altri stakeholder.

Informazioni tesi

  Autore: Claudio Buongiorno Sottoriva
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2017-18
  Università: Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Giovanni Fattore
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 48

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 1 Lo studio di Messenger e Gschwind (2016, p. 202) paragona il telelavoro ai lavori di industria svolti da casa, ipotizzando, quindi, un movimento di ricorso storico casa-ufficio-casa. 1 . Prem essa “Abbia m o fa tto prima a co nquista re la luna che a riso lvere il pro blema del tra ffico . Che co sa po ssia m o fa re per riuscirci?”. È la do m a nda che fu po sta nel 1 9 7 3 a l fisico a m erica no Ja ck Nilles, a ll’ epo ca im pegna to nello sviluppo di tecno lo gie a ero spa zia li in una so cietà co llega ta a lla NASA, che si ingegnò a tro va re una rispo sta (Ra vicchio , Repetto e T rentin 2 0 1 5 , p. 1 1 ; Ca va llini 1 9 9 7 , p. 2 ). Il telela vo ro na cque co sì, co me so luzio ne a lla co ngestio ne del tra ffico . Fu Nilles a fo rm ula re una prima pro po sta per la vo ra re a do m icilio , a llo sco po di ridurre l’ im pa tto degli spo sta m enti da e per l’ ufficio sulla vita degli individui e sull’ a m biente (Nilles 1 9 7 5 ). Co niò , a llo ra , i term ini telewo rk (telela vo ro ) e teleco m m uting (telependo la rism o ), pro ba bilmente senza im m a gina re che gli sviluppi della sua idea sa rebbero a nda ti mo lto o ltre una questio ne eco lo gica , per diventa re quello che o ggi si definisce sm a rt wo rking (la vo ro a gile o intelligente). No n una no vità lessica le, m a un ca mbia m ento o rga nizza tivo e cultura le. Anco r prim a del co ntributo a cca demico ela bo ra to da Nilles, nelle gra ndi im prese si m a nifesta va un fo rte interesse per nuo ve fo rm e di la vo ro , ta nto che nel 1 9 7 0 AT &T , una co m pa gnia di teleco munica zio ni a m erica na , preco nizza va un futuro senza uffici (Ca m po da ll’ Orto e Go ri 2 0 0 0 , p. 3 1 ). In un mo vim ento di rito rno rispetto a lla rivo luzio ne industria le, i la vo ra to ri si sa rebbero do vuti spo sta re in m a ssa da lle im prese a lle ca se. 1 La rea ltà , invece, ha pro ceduto m o lto più lenta m ente, mo stra ndo ta ssi di diffusio ne del telela vo ro ba ssi: in Ita lia il 5 % (nel 2 0 1 3 ) co ntro il 3 2 % della Svezia (nel 2 0 1 2 ), co m unque lo nta ni da l 1 7 % della media euro pea (Euro fo und e ILO 2 0 1 7 , pp. 1 4 - 1 7 ). Questo strumento , na to qua ndo nel m o ndo del la vo ro entra va no i ba by bo o m ers, no n po té sviluppa rsi co m piuta m ente in presenza di una genera zio ne “a na lo gica ”; la co ncezio ne del la vo ro , ino ltre, sepa ra va a nco ra netta m ente i tem pi e i luo ghi

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lavoro
digitale
pubblica amministrazione
mobilità
telelavoro
pendolarismo
pa
lavoro agile
smartworking
lavoro intelligente

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi