Skip to content

Un nuovo approccio per il disturbo autistico: l'intersoggettività tra neuroscienze e psicoanalisi

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Mangione
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze Cognitive, Psicologiche, Pedagogiche e degli Studi Culturali
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Ivan Formica
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

Da tempo ormai, il disturbo autistico, si ritrova al centro di un dibattito scientifico che negli anni non soltanto non ha portato ad una spiegazione esaustiva della complessità sintomatologia ma lo ha reso ancor più enigmatico. Allo stato attuale della ricerca condotta negli ultimi decenni però, sono stati raggiunti risultati sorprendenti grazie alla scoperta dei neuroni specchio che hanno finalmente permesso di abbattere i pregiudizi alla base del complesso rapporto mente-corpo dando cosi nuova luce ad una patologia rimasta incompresa per quasi un secolo.

Informazioni tesi

  Autore: Antonella Mangione
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze Cognitive, Psicologiche, Pedagogiche e degli Studi Culturali
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Ivan Formica
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 102

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il disturbo autistico da circa più di un secolo ormai, si trova al centro di un dibattito che affonda le radici nello storico pensiero Cartesiano. La famosa frase di Cartesio “cogito ergo sum” scindendo “l’ego cogitans” “dall’res extensa”, ha avuto un forte impatto nella storia dello studio del rapporto tra cervello/mente. Per decenni psicoanalisi e neuroscienza hanno percorso il loro cammino studiando la complessità psiche-soma da due prospettive diverse: biologica per il cervello e psicologica per la psiche con delle evidenti ricadute nello studio dell’eziologia psicopatologica. L’autismo, fin dalla sua prima formulazione, è stato descritto come un disturbo a tratti simili ad una psicosi per l’evidente tendenza all’isolamento e al distacco da ogni situazione relazionale o affettiva con difficoltà per gli aspetti sociali del comportamento motorio e del linguaggio a cui si accompagnano comportamenti e interessi stereotipati di complessità diversa in relazione al livello intellettivo. Ad oggi la definizione dell’autismo, grazie agli studi che nei decenni si sono susseguiti, è molto più articolata rispetto alla prima formulazione di Kenner nel 1943, ma tutt’ora è poco chiaro come questo quadro psicopatologico si origini. La storia dell’autismo è infatti molto travagliata, fatta di ipotesi psicogenetiche che per decenni hanno alimentato lo stereotipo culturale dei “genitori frigorifero”, ma tra le quali vi erano anche delle intuizioni geniali e di teorie organicistiche. La visione organicistica sviluppatesi dagli anni 70 in poi, ha dominato il panorama scientifico dello studio sull’autismo ponendone in evidenza le alterazioni celebrali strutturali e fornendone un modello di funzionamento mentale appoggiandosi alla teoria modularistica della psicologia evoluzionistica. Le teorie eziopatogenetiche che si sono sviluppate a partire da quegli anni, definiti modelli “da laboratorio”, se ben fin da subito ritenuti non sufficientemente esplicativi della fenomenologia autistica, non soltanto non sono riusciti a svelare l’enigma che avvolge l’autismo ma ne hanno alimentato una visione difettuale, diffondendo nel pensiero comune l’idea del soggetto autistico come un bambino mutante, così come emerge nei film di fantascienza, privo di sentimenti, affettività, interessi relazionali verso gli altri, insomma un bambino senza soggettualità che ha stimolato l’emergere di interventi educativi puramente addestrativi frutto dei modelli teorici di quel tempo,
Sitografia automatica

Non sei sicuro di avere citato tutte le fonti?
Evita il plagio! Grazie all'elenco dei link rilevati puoi controllare di aver fatto un buon lavoro

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.

Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi