Skip to content

Quando il lavoro diventa una dipendenza. Interventi preventivi e terapeutici nella ''work addiction''.

Informazioni tesi

  Autore: Roberta D'Ascenzo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Pontificia Università Salesiana
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Mario Becciu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Il presente lavoro si propone di analizzare la work addiction come una dipendenza patologica tra le principali e meno riconosciute per poi valutare le implicanze sulla salute individuale e organizzativa. La parte conclusiva sarà costituita dalla proposta di alcuni possibili interventi preventivi e terapeutici.
Nella prima parte, dopo un inquadramento teorico relativo alla definizione, alla descrizione e all'analisi dei dati epidemiologici della work addiction (WA) come dipendenza patologica, verranno esaminati, in una prospettiva eziopatogenica, i principali fattori correlati all'insorgenza, allo sviluppo e al mantenimento del disturbo. Particolare attenzione, verrà data ai vari fattori di rischio e di mantenimento ad esso correlati coerentemente con i presupposti teorici della psicopatologia evolutiva.
Ciò che rende queste new addictions, e in particolare la dipendenza da lavoro, particolarmente subdole è il loro essere accettate socialmente. Ovviamente tra queste “nuove dipendenze” bisogna «differenziare e individuare [...] quelle che sono culturalmente e socialmente accettate, accettabili, osservate con un occhio benevolo o tollerate nel contesto del vivere di oggi. [...] tra queste c'è sicuramente la dipendenza da lavoro [...]» (D'Antonio, 2010, 117-118).
Verrà, nel presente elaborato, presentata la WA secondo il modello bio-psico-sociale: «come per i disturbi da uso di sostanze, anche per le dipendenze comportamentali il modello biopsicosociale risulta essere quello più completo ed esaustivo da adottare a livello interpretativo, sia per leggere i fattori di rischio implicati nello sviluppo patologico dei comportamenti di addiction, sia per individuare le variabili protettive oggetto di intervento preventivo» (Pozzi & Romano, 2019, 244). Si andrà, di seguito, a definire come la work addiction influisca sui vari ambiti della salute, in particolare su quello individuale (fisico e psicologico), socio-relazionale e su quello organizzativo - professionale.
Nella parte finale dell'elaborato, verranno presentati alcuni possibili interventi preventivi e terapeutici, sia individuali che di gruppo. Si sottolineerà l'importanza dell'azione preventiva a partire dal sistema scolastico, quindi prima dell'inserimento del giovane nel mondo del lavoro. Verranno, inoltre, mostrate le principali variabili sulle quali sarebbe necessario intervenire per sensibilizzare le persone all'interno di un'organizzazione.
L'idea per la compilazione della presente tesi è nata e si è sviluppata fino a diventare ipotesi progettuale mentre vivevo diverse esperienze lavorative che mi hanno portata a conoscere realtà a me ignote e a cercare di conciliare i miei studi con una proposta operativa in tale ambito di vita.
A colpirmi in modo particolare è stato l'argomento della dipendenza da lavoro. Sia per la sua attualità in campo di dipendenze patologiche sia perché ho potuto esperire in prima persona situazioni a ciò afferenti che mi hanno spinta ad interessarmi a tale tematica ancora troppo sottovalutata in ambito lavorativo e di salute dei lavoratori. Tale analisi non può prescindere dalla amara constatazione, confermata anche dalla mia seppur breve esperienza lavorativa, di una progressiva disumanizzazione presente negli ambienti di lavoro a favore del profitto a tutti i costi e alla poca considerazione delle esigenze personali dei lavoratori.
Mossa quindi dall'interesse scaturito da queste esperienze vissute in prima persona desidero consolidare le mie conoscenze teoriche a riguardo, pensando e quindi proponendo possibili interventi di prevenzione e di terapia.
L'elaborato ha, pertanto, l'obiettivo di approfondire l'evoluzione della dipendenza patologica da lavoro. Nello specifico, si vuole approfondire e offrire una descrizione delle implicazioni della WA nei diversi ambiti della salute e del benessere individuale e dell'intera organizzazione aziendale.
L'obiettivo finale è quello di poter offrire il mio, seppur modesto, personale contributo alla necessità di promuovere interventi preventivi, teoricamente ben fondati, per la prevenzione e la promozione della salute in ambito lavorativo.
Tra questi, risultano essere interessanti ed urgenti le proposte di corsi di formazione in azienda volti a sensibilizzare dirigenti e dipendenti circa l'argomento della WA e delle sue gravi conseguenze sul lavoratore e sull'azienda medesima.

Informazioni tesi

  Autore: Roberta D'Ascenzo
  Tipo: Tesi di Laurea Magistrale
  Anno: 2019-20
  Università: Pontificia Università Salesiana
  Facoltà: Scienze dell'Educazione
  Corso: Psicologia
  Relatore: Mario Becciu
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE «La dipendenza da lavoro è l’ultima delle dipendenze riconosciute e, probabilmente, una delle più pericolose, perché chi dedica molto tempo al proprio lavoro solitamente viene apprezzato e riconosciuto come più capace» (Guerreschi, 2009, 14-15). Il presente lavoro si propone di analizzare la work addiction come una dipendenza patologica tra le principali e meno riconosciute per poi valutare le implicanze sulla salute individuale e organizzativa. La parte conclusiva sarà costituita dalla proposta di alcuni possibili interventi preventivi e terapeutici. Nella prima parte, dopo un inquadramento teorico relativo alla definizione, alla descrizione e all’analisi dei dati epidemiologici della work addiction (WA) come dipendenza patologica, verranno esaminati, in una prospettiva eziopatogenica, i principali fattori correlati all’insorgenza, allo sviluppo e al mantenimento del disturbo. Particolare attenzione, verrà data ai vari fattori di rischio e di mantenimento ad esso correlati coerentemente con i presupposti teorici della psicopatologia evolutiva. Ciò che rende queste new addictions, e in particolare la dipendenza da lavoro, particolarmente subdole è il loro essere accettate socialmente. Ovviamente tra queste “nuove dipendenze” bisogna «differenziare e individuare […] quelle che sono culturalmente e socialmente accettate, accettabili, osservate con un occhio benevolo o tollerate nel contesto del vivere di oggi. […] tra queste c’è sicuramente la dipendenza da lavoro […]» (D’Antonio, 2010, 117-118). Verrà, nel presente elaborato, presentata la WA secondo il modello bio-psico-sociale: «come per i disturbi da uso di sostanze, anche per le dipendenze comportamentali il modello biopsicosociale risulta essere quello più completo ed esaustivo da adottare a livello interpretativo, sia per leggere i fattori di rischio implicati nello sviluppo patologico dei comportamenti di addiction, sia per individuare le variabili protettive oggetto di intervento preventivo» (Pozzi & Romano, 2019, 244). Si andrà, di seguito, a definire come la work addiction influisca sui vari ambiti della salute, in particolare su quello individuale (fisico e psicologico), socio-relazionale e su quello organizzativo - professionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l’utente che consulta la tesi volesse citarne alcune parti, dovrà inserire correttamente la fonte, come si cita un qualsiasi altro testo di riferimento bibliografico.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

lavoro
dipendenza
addiction
work
dipendenza da lavoro
work addiction
workaholism
work engagement
hard working
rebt

Tesi correlate


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi