Skip to content

La Cronaca nera raccontata da un giornalista - scrittore: il caso della ''Belva friulana'' (1946)

Informazioni tesi

  Autore: Rosa Maria Carmela Spanò
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Giuseppe di Fazio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

L’obiettivo principale della mia prova finale è rivolto alla ricerca di un possibile connubio tra letteratura e giornalismo, in particolare tra letteratura e cronaca nera.
Infatti, il caso di studio che ho analizzato si concentra sull'indagine negli archivi storici digitali del “Corriere della Sera” e de “La Sicilia” per rintracciare quanto è stato scritto dal giornalista-scrittore Dino Buzzati, dai cronisti del quotidiano “La Sicilia” e dal giornalista-scrittore Antonio Prestinenza, sul caso Rina Fort, chiamata anche "belva friulana", che alla fine del 1946 uccise la moglie ed i figli del suo amante catanese.
Dall’analisi degli articoli di Buzzati e di quelli presenti sul quotidiano “La Sicilia” è emerso il contributo originale che la letteratura può offrire alla cronaca nera. Infatti, proprio la scrittura di Buzzati e quella di Prestinenza ci permettono di andare oltre l’accaduto scavando dentro l’animo umano e facendoci riflettere. Ciò marca la differenza dal giornalismo di cronaca nera tradizionale che si limita a narrare i fatti accaduti.
La curiosità verso questo preciso caso di studio mi ha portato a fare anche una visita a Milano nei luoghi della tragedia ed a intervistare una anziana signora molto gentile e disponibile che fu testimone dei fatti.

Informazioni tesi

  Autore: Rosa Maria Carmela Spanò
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2017-18
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Giuseppe di Fazio
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 CAPITOLO II. BUZZATI RACCONTA L’ACCADUTO SUL “CORRIERE D’INFORMAZIONE” E SU “IL NUOVO CORRIERE DELLA SERA” 2.1 Introduzione. Dopo aver esaminato il contesto storico in cui si trovava l’Italia ed aver riassunto per sommi capi la vicenda oggetto di studio, si procederà ora ad analizzare quanto scritto da Dino Buzzati sul “Corriere d’informazione” e su “Il Nuovo Corriere della sera”. In primo luogo, ciò appare necessario per poter approfondire maggiormente come un articolo di giornale possa divenire un prodotto letterario, ed in secondo luogo si mira a porre in risalto come i pezzi di cronaca possano divenire oggetto di documentari o video che ne riassumano la storia e identifichino la scena come « […] una delle scene del crimine più spaventose ed agghiaccianti di tutti i tempi» 11 . Per rendere più agevole l’analisi dei vari articoli è possibile compiere una divisione in tre parti. Il metodo usato per dividere in parti è puramente convenzionale e serve per rendere semplice e comprensibile al lettore il quadro concettuale di riferimento e consiste nell’individuare il prima del processo, il durante e l’epilogo finale con la sentenza di condanna. Nella prima parte prenderò in esame gli articoli intitolati: “Un’ ombra gira tra noi”, “Non sanno maledire” e “Addio anime innocenti” poiché hanno come matrice comune la descrizione degli eventi e quanto viene percepito dalla gente all’impatto della notizia; la seconda parte, invece, contiene gli articoli che ci portano direttamente all’interno dell’interrogatorio e in un secondo tempo del processo, nello specifico analizzerò i testi: “La belva in gabbia”, “Sordità sentimentale”, “Una voce dalla Sicilia” e “«Ho diritto di difendere la mia famiglia» (ma la sua famiglia è ormai sterminata)”; infine la terza parte contiene gli articoli: “Il fascino della toga”, “L’accusatore”, “Vana attesa del colpo di scena”, “Immensità della tragedia” e per ultimo “Forse, non ha capito”, che hanno in comune la narrazione della parte finale del processo e l’epilogo con la sentenza di condanna ed il senso di smarrimento della Fort. 11 C. Lucarelli in Profondo Nero programma TV su Crime investigation – video promozionale su https://www.youtube.com/watch?v=6OPjKx1JqZU (ultimo accesso 22/12/2017).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

la sicilia
archivio storico
dino buzzati
gionalismo
belva friulana
gionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi