Skip to content

Impatto psicologico della pandemia e delle restrizioni

Informazioni tesi

  Autore: Elena Filiberti
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Guglielmo Marconi
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Francesco Mancini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Background: dal dicembre 2019, l’ondata epidemica causata dal COVID-19, malattia derivante dal Sars-CoV2, ha visto molti Paesi fare richiesta alla propria popolazione potenzialmente venuta a contatto con l’infezione, di ritirarsi presso strutture dedicate alle misure restrittive di quarantena. Il fattore comune a tutti, in qualsiasi popolazione sia stata toccata dal COVID-19, è la modifica e il cambiamento della vita quotidiana, la quale ha fatto da spartiacque tra un prima e un dopo epidemia. Il COVID-19 rappresenta per gli individui una doppia minaccia, derivante sia dalla paura di contrarre la malattia sia dalle restrizioni imposte per evitarne la diffusione. Da entrambe le parti deriva uno stress cronico e persistente che determina un aumento del cortisone. Nello specifico del contesto italiano, esiste un rischio associato a un eventuale disturbo a livello mentale per oltre il 40% della popolazione, ed esso sembrerebbe essere correlato alla disoccupazione, al vivere con più persone, all’avere figli in età scolare costretti a casa. In accordo con la letteratura, le persone con sindrome da stress COVID, emersa in questo ultimo periodo storico, soffrivano già di altre psicopatologie, in particolare avevano alti livelli di ansia per la salute, tendenza al controllo di tipo ossessivo-compulsivo e sintomi da paura della contaminazione. Gli studi sulle epidemie passate hanno rilevato effetti a lungo termine fino a tre anni dopo la quarantena, come comportamenti di evitamento di luoghi affollati, lavaggio compulsivo di mani e ambienti, alcune dipendenze patologiche tra cui l’abuso di alcol e di sostanze stupefacenti tra coloro che soffrono di disturbo post-traumatico da stress.
Obiettivo dello studio: L’obiettivo di questo elaborato è di redigere una ricerca letteraria al fine di comprendere quali possano essere gli effetti collaterali della pandemia di COVID-19 e del conseguente lockdown; quali impatti avranno su “nuovi e vecchi” pazienti, indagare i fattori di rischio che possono aver contribuito all’insorgere di determinate patologie psicologiche e i fattori di protezione, ovvero determinate coping skills, le quali segnano un punto importante di demarcazione tra vissuti di quotidianità diversi.
Fonti dei dati: gli studi e gli articoli analizzati e descritti per la stesura di questa revisione della letteratura comprendono trial clinici, articoli giornalistici pubblicati nel periodo da marzo ad agosto 2020, e revisioni letterarie e narrative precedentemente pubblicate in occasione di altri eventi pandemici. Sono stati consultati PubMed, EBSCOhost, Researchgate e altre fonti rilevanti online.
Conclusioni: La pandemia globale COVID-19 ha portato a una necessità senza precedenti di ripensare il modo in cui vengono erogati i servizi di salute mentale. Dati empirici emergenti sostengono come la tecnologia possa rappresentare una nuova metodologia anche in ambito sanitario, fornendo chiare raccomandazioni al fine di configurare in modo ottimale i servizi di psicoterapia on line per i clienti di tutto lo spettro della salute mentale. L’attuale trasformazione verso metodologie a distanza è solo all’inizio; è necessario accompagnare questo cambiamento anche durante la fase post-pandemia, in modo tale che la psicoterapia possa incontrare il mondo digitale e diffondersi in maniera organizzata ed efficiente.
Keywords: COVID-19, norme restrittive, quarantena, effetti psicologici, psicoterapia online

Informazioni tesi

  Autore: Elena Filiberti
  Tipo: Laurea I ciclo (triennale)
  Anno: 2019-20
  Università: Università degli Studi Guglielmo Marconi
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze e tecniche psicologiche
  Relatore: Francesco Mancini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione: razionale e obiettivo Dal dicembre 2019, l’ondata epidemica causata dal COVID-19, malattia derivan- te dal Sars-CoV-2, termine ufficiale del nuovo coronavirus inizialmente definito 2019- nCoV (Ghebreyesus, 2020, direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità [OMS] citato in Ministero della Salute, 2020) ha visto molti Paesi fare richiesta alla propria popolazione potenzialmente venuta a contatto con l’infezione, di ritirarsi o me- glio, isolarsi presso le proprie abitazioni o presso strutture dedicate alle misure restritti- ve di quarantena (Brooks et al., 2020). Brooks e colleghi sottolineano l’importanza dei metodi attraverso i quali determinate misure restrittive vadano applicate, le quali, con- formemente a qualsiasi altro tipo di decisione, dovrebbero fondarsi su prove evidenti che tali misure possano funzionare. La quarantena correlata all’emergenza sanitaria è spesso un'esperienza spiacevole per coloro che la subiscono, dacché comporta talune possibili conseguenze, come la mo- mentanea separazione dai propri cari, la perdita di libertà, il senso di incertezza sul pro- prio stato di salute, e altri effetti drammatici (Brooks et al., 2020). In accordo con la let- teratura disponibile al momento, tra gli studi sistematizzati da Brooks e colleghi, si ri- portano dati da passati studi sugli effetti delle imposizioni governative di restrizione do- vuti ad altre pandemie all’epoca in corso, e tra questi i più notabili sono sicuramente l’aumento del tasso suicidario, forte senso di rabbia e confusione e sintomi da Disturbo da stress post-traumatico. Gli stressor indicati in questi passati studi includono la durata prolungata della quaran- tena e delle misure restrittive di contenimento della malattia, la paura di possibili infe- zioni, frustrazione, noia, accesso inadeguato alle forniture sanitarie necessarie, informa- zioni contraddittorie e insufficienti, elevate perdite finanziarie e stigmatizzazione degli individui sintomatici o con sintomi correlati alla malattia da infezione (Brooks et al., 2020). Alcuni ricercatori hanno già suggerito in passato (ad esempio all’epoca delle epidemie da SARS e MERS) che taluni stressor correlati a specifici sintomi negativi psicologici 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

psicoterapia online
effetti psicologici
quarantena
covid-19
norme restrittive

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi